Andare Oltre lo Spread: un Cambio di Prospettiva Forse Necessario

Se è certo difficile negare il fatto che la maggior solvibilità della Germania si traduce in una compressione degli interessi pagati sui titoli di stato tedeschi, allo stesso tempo Di Gaspare evidenzia come non sia lo spread tra Btp e Bund l’indicatore chiave per trarre inferenze sul costo del debito pubblico italiano. Il fattore determinante sarebbe al contrario rappresentato dal cambio tra dollaro ed euro, col primo che si svaluta nei confronti del secondo.

La speculazione finanziaria, sfruttando tale rapporto di cambio, avrebbe convenienza ad indebitarsi in dollari per investire in euro. Tale convenienza deriverebbe infatti dal differenziale del cambio e dal tasso di interesse dei titoli di Stato “europei”, aventi rendimenti più elevati di quelli dei titoli americani.