Battuta d’Arresto per Tesla

In questo quadro assume ancora più rilevanza l'acquisizione del 5% di Tesla ad opera della società cinese Tencent (proprietaria della diffusissima applicazione WeChat), avvenuta lo scorso marzo, che aveva consentito una liquidità importante alla casa automobilistica. Nonostante possa sembrare, e di fatto è così, che l'intervento non sia stato sufficiente per la sostenibilità del progetto dell'auto, Musk potrebbe avere un asso nella manica.

Si sta discutendo infatti un accordo con il governo di Shanghai per l'istituzione in loco di uno stabilimento produttivo per poter conquistare il mercato cinese, sensibile nei confronti delle auto elettriche che potrebbero dare così un contributo importante nel combattere l'inquinamento.

Il problema rimane il dazio applicato alle auto importate pari al 25% del loro valore, e la possibile condivisione dei brevetti con i produttori locali. In quest'ottica ,proprio Tencent potrebbe ricoprire un ruolo fondamentale nelle trattative e risollevare così le sorti di Tesla.

tesla cina

Per il momento però l'unica notizia certa rimane il licenziamento di 700 dipendenti, a causa di una presunta valutazione negativa del rendimento annuale degli stessi. Tale motivazione sembra però mal celare il reale problema, ormai sotto gli occhi di tutti: il flop delle consegne delle Model 3. Tesla, che potrebbe aver fatto il passo più lungo della gamba, riuscirà a non inciampare più?