Clinton Stacca Ancora Trump, Oggi occhi sulla BCE

Trump Clinton

Si è tenuto nella notte il terzo e ultimo dibattito tra i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti, vinto ancora una volta dalla democratica Clinton. Mps rimbalza in Borsa, crolla Mediaset. Oggi la BCE annuncia le mosse di politica monetaria.

Nel mondo

Si è tenuto nella notte il terzo e ultimo dibattito tra i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti. Uno scontro a tutto campo, dalle armi alla Russia, dall’immigrazione, fino al tema delle donne e dell’aborto. La vittoria, secondo i sondaggi, è andata anche questa volta alla democratica Hillary Clinton. Donald Trump da parte sua ha parlato ancora di elezioni truccate, aggiungendo di non sapere se accetterà l’esito del voto (Ansa).

clinton-trumpAd Aleppo è iniziata alle 7 ora italiana la “tregua umanitaria” decretata da Mosca per consentire il soccorso a malati e feriti e la possibilità per combattenti e civili di lasciare la città del nord della Siria. La tregua durerà 11 ore.

Google ha annunciato la firma di un accordo con il network televisivo Cbs per lo sviluppo di una web tv (Radiocor).

In Italia

La sonda Schiaparelli è arrivata su Marte ma, 50 secondi prima dell’atterraggio, ha smesso di inviare segnali. Non è chiaro cosa sia successo.

Crollo record delle nascite in Italia. Secondo dati Istat, da gennaio a giugno i nuovi nati sono diminuiti del 6%, il triplo rispetto a un anno fa (Repubblica).

Accadde oggi

Il 20 ottobre del 1803 il Senato degli Stati Uniti ratifica l’acquisto della Louisiana.

Economia e mercati

In Germania, i prezzi alla produzione sono scesi a settembre dello 0,2% su mese, mentre la variazione anno su anno è stata negativa per l’1,4%.

Mediaset è crollata in Borsa dopo che un nuovo scontro tra Cologno Monzese e il gruppo Vivendi lascia presagire che l’unico modo per risolvere il contenzioso intorno a Premium sarà ricorrere ai tribunali (Repubblica).

Il ceo Elon Musk ha annunciato che tutte le nuove auto prodotte da Tesla saranno in grado di “guidarsi” da sole.

Oggi è il giorno del presidente della BCE Mario Draghi, che comunicherà le prossime mosse di politica monetaria. A parte le indiscrezioni secondo cui alcuni membri del board inizierebbero a caldeggiare l’avvio di una fase di tapering, non si attendono grandi novità dalla riunione odierna. Gli analisti di Bloomberg non si aspettano alcun aumento dei tassi, ma prevedono un intervento a dicembre, quando saranno diffuse anche le nuove previsioni di Francoforte. In particolare gli analisti si aspettano che a fine anno Draghi decida di estendere il programma di acquisto di asset di almeno altri tre mesi, con alcuni aggiustamenti al QE.

Il prezzo del petrolio ha toccato i massimi degli ultimi 12 mesi, complici anche un altro inatteso calo delle scorte.

Il peso messicano si è apprezzato ulteriormente a seguito del terzo e ultimo dibattito tra i candidati alla Casa Bianca, Hillary Clinton e Donald Trump. Il Financial Times ha notato che più il gradimento di Donald Trump aumenta nei sondaggi più il peso messicano perde valore nei confronti del dollaro. E viceversa.

Mps ha chiuso la seduta di ieri con un balzo del 7% (dopo un rialzo a doppia cifra segnato a inizio settimana), sulla scia delle speranze sul nuovo piano industriale che dovrebbe essere approvato lunedì a Milano e sulla proposta dell’ex banchiere di Intesa Sanpaolo Corrado Passera. Quest’ultimo ha presentato un piano di salvataggio per la banca senese che, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Ansa, prevede un aumento di capitale fra 1,5 e 3 miliardi di euro, una bad bank per smaltire 31 miliardi di crediti deteriorati e l’intervento del fondo Atlante. Il cda di Mps ha lasciato una finestra aperta alla proposta di Corrado Passera, ma ha confermato l’intenzione di andare avanti con quella presentata a luglio dall’ex a.d. Fabrizio Viola e poi rivista dal nuovo a.d. Marco Morelli.

Occhio al dato

In Gran Bretagna arrivano le vendite al dettaglio di settembre.

A livello di zona euro, occhio a partite correnti e flusso netto di investimenti ad agosto.

Dagli USA arrivano le nuove richieste di sussidi di disoccupazione settimanali, l’indice Fed Filadelfia di ottobre, i dati sulle vendite di case esistenti e il leading indicator di settembre.

Occhio anche alle trimestrali di Microsoft e Verizon.