Come la Tecnologia sta Cambiando il Nostro Fisico

Un altro organo bombardato dalla tecnologia è l’orecchio. La “Sindrome da vibrazione fantasma” sembra colpire la maggior parte dei possessori di un cellulare. La “sensazione” di sentire il telefono che vibra quando è in tasca o in borsa. Non una semplice “illusione” piuttosto l’importanza che il nostro orecchio dà a frequenze specifiche, quali quelle del telefono quando si collega ad una cella.

Anche l’insonnia, disturbo che colpisce milioni di persone, può essere determinata dall’uso dei nostri strumenti tech. È sempre più frequente l’abitudine di addormentarsi con tablet e telefoni, per inviare la buona notte in real time. Tuttavia, la luce di questi dispositivi, confonde la nostra melatonina e manda in tilt il nostro orologio biologico, facendoci passare la notte “contando pecorelle”.

Cervello, udito e vista ma non solo. Le nostre articolazioni sono sempre più sottoposte a nuove forme di movimento. Scrivere mail, sms e utilizzare smartphone possono creare danni evidenti a polsi e pollici, provocando tendiniti e infiammazioni agli arti. È la velocità che fa la differenza: maggiore è la frequenza di digitazione e maggiore è la probabilità di riscontrare queste patologie.