Cooperazione, Problem-Solving e Responsabilità: Le 3 Mosse Per Educare al Lavoro

Innanzitutto è necessario abbandonare l’idea che esista il manuale della conoscenza e del successo. Nessuno lo possiede e nessuno lo ha mai posseduto. Non ci sono regole valide per ogni tipologia di problema, ma sicuramente esiste un metodo d’approccio che potrà essere utilizzato dai leader di domani in ogni occasione ed essere adattato alle esigenze del caso per risolvere anche i problemi più complicati. L’abbandono del concetto di conoscenza in quanto somma di nozioni deve avvenire contestualmente ad una maggiore enfasi sui processi creativi di problem-solving.

Lavori di gruppo e progetti sembrano essere la strada migliore per raggiungere questo scopo. In tal modo si permette agli studenti di affrontare fin da subito situazioni complesse e prendere decisioni sensibili, costruendosi così un bagaglio di conoscenze esperienziali fondamentali per il loro processo di crescita formativa.

In secondo luogo, è fondamentale cambiare la concezione stessa di leadership. Quest’ultima non può più essere concepita come la funzione di assegnare compiti ai propri sottoposti. Al contrario, per creare innovazione è necessario che i nuovi leader siano in grado di captare e promuovere le qualità dei singoli membri del proprio gruppo e di coordinarle al fine di arricchire continuamente il processo di creazione collettiva. A questo scopo sarebbe utile offrire agli studenti opportunità di workshop per promuovere la cultura del “coaching leader” ed insegnare loro come potenziare e gestire un gruppo, piuttosto che limitarsi a imporre agli altri compiti da svolgere.