Disney Corteggia Twitter, la BoE Compra Corporate Bond

disney

La Bank of England acquisterà fino a 10 miliardi di sterline in obbligazioni  emesse da aziende che contribuiscono in modo significativo all’economia britannica.

Nel mondo

A partitre da oggi, la Bank of England ha iniziato a comprare debito corporate come parte del suo piano per supportare l’economia dopo che la Gran Bretagna ha votato a favore dell’uscita dall’Unione europea. Nei prossimi 18 mesi la banca centrale comprerà corporate bond per 10 miliardi di sterline (circa 13 miliardi di dollari) emessi da società che contribuiscono in modo significativo all’economia britannica.

Elezioni USA: nella nottata si è tenuto il primo dibattito per la presidenza degli Stati Uniti tra Hilary Clinton e Donald Trump. Secondo un sonaggio condotto dalla CNN/ORC Hilary Clinton avrebbe vinto con il 62% dei voti.

Accadde oggi

Il 27 settembre del 1998 è nato il motore di ricerca Google.

In Italia

Il Consiglio dei Ministri riunitosi ieri ha scelto il 4 dicembre come data del referendum costituzionale. Oggi è in agenda l’esame della nota di aggiornamento al Def .

Economia e mercati

Profitti attesi in calo per Nike. Il colosso americano dovrebbe annunciare utili in declino del 16% anno su anno nel primo trimestre, complici le vendite deludenti e la pressione da parte della concorrenza. Sarebbe il primo segno meno in quattro anni per gli utili di Nike.

Nel corso del suo intervento trimestrale al Parlamento europeo, il presidente della Bce Mario Draghi è tornato a sottolineare i “rischi al ribasso” sull’economia europea, che rimane resiliente all’incertezza economica e politica dopo Brexit. Confermate le stime della Bce, il governatore ha chiesto alla Ue di “andare incontro alle reali esigenze dei cittadini”.

Disney si unisce alla lista dei possibili pretendendenti di Twitter. Tra le altre ci sarebbero Alphabet e Saleforce.

Lo yen perde terreno, allontanandosi dal massimo di un mese sul dollaro. In seguito al dibattito tra i candidati alla presidenza degli Usa si è visto anche un rialzo del peso messicano di circa il 2% sul biglietto verde.

In Cina, i profitti industriali sono aumentati del 19,5% in agosto, ai massimi da tre anni. Dopo gli incoraggianti dati del mese scorso, gli economisti hanno iniziato ad alzare le previsioni di crescita per l’anno in corso da 6,5% a 6,6%. Lo stimolo fiscale del Governo sembra funzionare.

Le preoccupazioni su Deutsche Bank hanno penalizzato tutto il comparto bancario, facendo salire le quotazioni dei CDS a 5 anni.

In Europa la salita dei tassi d’interesse sembra già al capolinea.

Occhio al dato

In Italia, Istat comunica i dati su fatturato e ordinativi dell’industria a giugno e luglio.

A livello di zona euro, occhio alla crescita della massa M3 e ai prestiti a famiglie e imprese ad agosto.

Dagli Usa attesi i dati sulla revisione delle licenze edilizie ad agosto, l’indice CaseShiller di luglio e la stima flash dell’indice Pmi servizi e composito di settembre

Occhio anche al dato sulla fiducia dei consumatori a settembre.