Disoccupazione Tedesca ai Minimi da 26 anni, FED Conferma i Tassi

fed

Nel mondo

L’Isis ha pubblicato online un discorso audio dal suo leader Abu Bakr al-Baghdadi, che incita i suoi combattenti, in particolare quelli a Mosul in Iraq, e chiede attacchi in Arabia Saudita e Turchia.
L’ultimo messaggio di Baghdadi risaliva a quasi un anno fa (Ansa).

A cinque giorni dal voto, dopo il sorpasso di Donald Trump su Hillary Clinton, i due candidati sarebbero ora in parità al 46%, secondo il nuovo sondaggio di Abc/Washington Post.

In Italia

Dopo il terremoto del 26 e 30 ottobre, al momento gli sfollati assistiti dalla Protezione civile sono oltre 26mila. In 10mila dormono in macchina. Intanto questa notte si è verificata una nuova forte scossa con magnitudo 4,8 ed epicentro in provincia di Macerata, avvertita fino a Roma (Ansa).

Da oggi i ragazzi nati nel 1998, che abbiano già compiuto i 28 anni, potranno ottenere 500 euro di bonus cultura (Ansa).

Accadde oggi

Il 3 novembre del 1918 la Polonia dichiara l’indipendenza dalla Russia.

Economia e mercati

Come da attese la Federal Reserve ha lasciato invariato il costo del denaro. La presidente Yellen ha spiegato che serve ancora “qualche” segnale di una ripresa di inflazione e occupazione prima di procedere con un aumento dei tassi. Queste parole hanno mandato vicino all’80% le probabilità di un aumento dei tassi a dicembre.

Oggi tocca alla Bank of England esprimersi sulle prossime mosse di politica monetaria (atteso anche in questo caso un nulla di fatto).

Il nervosismo degli investitori cresce con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali USA e questo si riflette in un balzo in alto dell’oro e degli asset considerati  “sicuri”, mentre calano azioni e peso messicano.

Milano ha chiuso la seduta di ieri in calo del 2,51% e lo spread ha superato i 160 punti nel corso della giornata, per poi scendere nuovamente a 153.

Il tasso di disoccupazione in Germania è sceso in ottobre al 5,8%, minimo storico mai toccato dopo la riunificazione.

Quanto al settore manifatturiero in Europa, ha deluso l’indice PMI italiano, sceso da 51 a 50,9 contro le attese di un rialzo. Positivi invece i risultati francese e tedesco.

Facebook ha battuto le attese nel terzo trimestre: gli utenti sono cresciuti del 16% a 1,79 miliardi al mese, i profitti hanno toccato quota 2,37 miliardi di dollari, in aumento del 160% rispetto allo stesso periodo del 2015, e i ricavi sono saliti a 7,01 miliardi, in aumento del 56% su base annua.

L’economia francese dovrebbe registrare una crescita superiore a 1,3% quest’anno, ha detto il ministro delle Finanze Michel Sapin, dopo aver dichiarato la settimana scorsa che sarà difficile centrare il target ufficiale di 1,5%.

Occhio al dato

Istat comunica la stima sul numero di occupati e disoccupati a settembre.

In Gran Bretagna e Irlanda, occhio all’indice PMI servizi di ottobre.
A livello di zona euro, arriva il tasso di disoccupazione a settembre.

Dagli USA occhio alle richieste settimanali di sussidi disoccupazione, indice PMI servizi finale Markit di ottobre, ordini all’industria e revisione dei beni durevoli a settembre, e indice ISM non manifatturiero a ottobre.