Elezioni in Arabia Saudita, Svolta Epocale: 20 Donne Elette

134305084PM025_EGYPT_GOES_T

Alla fine è successo davvero. Il popolo saudita, in occasione della recente tornata elettorale (la prima nella storia dell’Arabia Saudita in cui le donne hanno avuto la possibilità di partecipare sia come elettrici che come candidate), ha eletto ben 20 rappresentati di sesso femminile. La novità, nata da un decreto reale risalente al 2011, ratificato dal defunto re Abdullah bin Abdelaziz, ha aperto per la prima volta le urne del Paese alle donne.

Un risultato storico, che ha portato donne provenienti da ogni parte dell’Arabia Saudita a prendersi l’1% dei 2100 seggi in palio. Numeri bassi, è vero, ma che rappresentano un significativo passo in avanti per l’uguaglianza dei diritti.

Anche se il problema delle pari opportunità, da un punto di vista socio-culturale, esiste ancora (le donne nel Paese non sono autorizzate a guidare e non hanno possibilità di prendere decisioni su molti aspetti della vita coniugale), quello ottenuto è senza ombra di dubbio un risultato importante.

La capitale conservatrice Riyadh ha visto vincere il maggior numero di donne candidate (4), mentre la provincia orientale, dove sono concentrati gli sciiti, ha visto il trionfo di due donne. Stesso risultato per la seconda città più grande e cosmopolita dell’Arabia Saudita, Jeddah.

Una tornata elettorale che ha visto coinvolti 7000 candidati, di cui 979 donne, per 2100 seggi in palio. Le due precedenti elezioni (2005 e 2011) erano state aperte solo agli uomini, come previsto dalla Sharia prima del decreto reale del 2011. L’apertura delle urne a entrambi i generi ha portato alle cabine elettorali un’affluenza di 106mila elettrici.

La storia più bella e significativa arriva da Jeddah, dove tre generazioni di donne della stessa famiglia sono andate alle urne per la prima volta insieme. La più anziana, Naela Mohammad Nasief, 94 anni, ha accompagnato la figlia, Sahar Hassan Nasief, e la nipote. “Sono entrata e sono rimasta colpita. Non avevo mai visto una cabina elettorale prima. Solo nei film. E’ stata un’esperienza entusiasmante” ha dichiarato una volta uscita.