Qualità, Selezione e Due Ruote. FOODINHO: il Delivery da Sbafo

foodinho

Matteo Pichi l’ha intuito subito, quello che ancora mancava nel mercato milanese. Armato di spirito d’iniziativa, creatività, passione per la qualità e voglia di costruire, ha portato nel capoluogo lombardo un servizio geniale. Foodinho è nata così e a Milano promette di diventare molto più di un semplice food delivery. Insieme al socio Marco Amato, i due ragazzi lungimiranti hanno creato una startup perfetta per gli amanti del gourmet ricercato ma non troppo, sofisticato quanto basta e a prezzi ragionevoli. Foodinho è un servizio di consegna di food su due ruote che porta alle case dei milanesi il meglio del meglio. Ma non si tratta di un intermediario qualunque: il team di Foodinho seleziona i locali che poi offre ai suoi utenti. I ristoranti sono scelti secondo criteri ben precisi: qualità, immagine, prezzo. Proprio seguendo il gusto di un target specifico: clienti giovani, che seguono le tendenze di grido e che sono attenti all’ambiente. Le consegne, infatti, sono a emissioni zero, effettuate da un team di ciclisti. Ma Foodinho, oltre ad offrire un servizio, permette anche di diventare parte della flotta: iscrivendosi al sito, infatti, grazie ad un sistema GPS, è possibile prendere ordini in consegna e guadagnare. Un’ottima alternativa per studenti e giovani che desiderano arrotondare. Smartweek ha incontrato Matteo Pichi, Founder di Foodinho.

_MG_2692

Perché nasce Foodinho?

Foodinho nasce principalmente per due ragioni. Prima di impegnarmi totalmente in questo progetto, lavoravo a Londra per una banca. Mi occupavo di finanza e utilizzavo moltissimo il servizio di food delivery per risparmiare tempo e consumare il pasto sul posto di lavoro. Sono stato un grande e appassionato utilizzatore di questo servizio, ed è proprio li che ho scoperto il potenziale di questo business: andava sviluppato e sfruttato anche in Italia. Qui, questo mondo non è ancora esplorato. È vero: esistono moltissimi servizi di consegna. Ma nessuno è come Foodinho. Il secondo motivo è stato il desiderio di abbandonare il posto fisso e costruire qualcosa di mio. Internet ha segnato – e lo sta ancora facendo – il nostro tempo: penso sia una risorsa piena di opportunità per chiunque.

Da quante persone è composto il team?

Siamo un squadra composta da otto giovani, tutti under 30, con formazione e contesto alle spalle diversissimi.

Io-non-cucino-Foodinho

Qual è il servizio che offrite e quali sono i vantaggi rispetto ad un food delivery tradizionale?

Abbiamo tre elementi principali che ci differenziano da un servizio di food delivery tradizionale. Innanzitutto, è il prezzo che fa la differenza. Il nostro costo è bassissimo: la fee di consegna raggiunge un massimo di 3 euro. Poi la logistica, che viene controllata direttamente da noi. Abbiamo una squadra di bikers che conosciamo per filo e per segno, i loro profili sono consultabili direttamente dal sito e dall’app e sono velocissimi (il tempo di attesa, dalla presa in consegna dell’ordine all’arrivo al destinatario, è pari a 30 minuti). Infine, l’offerta vera e propria: i ristoranti. Si tratta di locali selezionati con un’attenzione maniacale: li scegliamo noi e poi li offriamo ai nostri utenti. È il punto forte di Foodinho. Sono locali che offrono prodotti di altissima qualità, anche se diversissimi tra loro: ecco perché i loro proprietari hanno deciso di entrare in Foodinho. Da noi potete trovare la gelateria più cool – e più buona – della città o il ristorante storico del centro e spesso si tratta di posti che solitamente non consegnano mai a casa. Eppure, proprio perché la nostra selezione, nella sua eterogeneità, presenta tratti simili nei profili dei locali, hanno deciso di aderire al nostro servizio. Ogni ristorante, ogni locale, deve avere un motivo per essere scelto da noi.

Per chi è pensata? Chi è il cliente tipo?

Foodinho nasce per chiunque sia amante del cibo e ami la tecnologia. Il nostro cliente  tipo ama la precisione e la velocità e per questo preferisce ordinare su internet, anziché al telefono. È attento alla qualità, ma anche al prezzo e ama un certo concept di food. Ma parte di Foodinho non sono solo i clienti finali: chiunque può diventare deliver e ricevere in carico l’ordine quando desidera e perfino guadagnare! Crediamo fortemente che chiunque utilizzi il nostro servizio, possa e debba sentirti parte di una community: un giorno cliente, un giorno deliver. Non siamo un servizio fine a se stesso.

foodinho3

Difficoltà burocratiche italiane VS innovazione giovanile: avete incontrato difficoltà nel vostro percorso verso la realizzazione concreta di Foodinho?

Devo ammetterlo: no. L’Italia si sta evolvendo parecchio e la burocrazia, per questo genere di cose, si sta snellendo molto. Non abbiamo incontrato grandi complicazioni. L’unica cosa è che nel nostro paese – a differenza del resto del mondo – sono ancora moltissimi i concetti che vanno spiegati. Ma noi ci crediamo: abbiamo scommesso sull’Italia e pensiamo che nel futuro possa eguagliare gli altri paesi in questi termini.