Macron, Il Futuro della Francia e dell’Unione Europea

Ma adesso quale sarà il destino dell’ Europa e della Francia?

macron europa

Le domande da porci sono tante e non tutte hanno una risposta immediata. Quale maggioranza parlamentare uscirà dalle elezioni legislative di giugno? Riuscirà il nuovo presidente a riunificare una Francia divisa? La Francia sarà ancora vittima di terrorismo? Le riforme economiche liberiste saranno efficaci?

Come il neopresidente Macron ha annunciato:

È indubbio che da queste elezioni l’immagine della Francia ne esca completamente rinnovata. La vittoria di Emmanuel Macron segna anche un punto di svolta per l’Unione Europea che in questo momento non gode di ottima reputazione. Infatti, molti leader nazionali hanno capito che bisogna dare un nuovo slancio al progetto comunitario. I progetti futuri riguarderanno infatti l’armonizzazione dei regimi fiscali e le protezioni sociali proseguendo verso l'idea di un’Europa che vorrà stare al passo con i tempi e dare l’esempio.

Parigi e Berlino sono sulla stessa lunghezza d’onda e stringeranno un più forte legame guidando così insieme l’Europa fuori da questo periodo buio con una ventata di giovinezza.

Per quanto invece riguarda la politica interna francese, ecco in sintesi i punti che verranno affrontati durante gli anni di presidenza di Macron:

  1. Sanità ed Istruzione: ha in mente il rimborso al 100% delle spese per occhiali, apparecchi dentali e auditivi. Un piano da 5 miliardi che permetteranno il raddoppiamento delle case di cura sul territorio. Per quanto riguarda la scuola invece vuole investire di più sulle periferie ristabilendo anche le classi bilingue.
  2. Etica: difenderà il matrimonio per tutti e si batterà contro l’omofobia quotidiana.
  3. Diritti per le donne: aiutare le donne a conciliare vita familiare e vita professionale attraverso la creazione di un unico congedo di maternità garantita.
  4. Immigrazione e accoglienza: la Francia deve diventare un luogo dove i rifugiati siano i benvenuti. Contrario alla chiusura dei confini, ma più severo sui controlli sull’immigrazione. Vuole lavorare a stretto contatto con l’Europa per risolvere il problema e non vuole affatto rifuggire simili discussioni.
  5. Ambiente: uno dei punti cardini, rendere la Francia un leader mondiale nella ricerca in materia di transizione ecologica. Rispettare i trattati di Parigi e investire nelle fonti rinnovabili.
  6. Esercito militare: creare più posti di lavoro nella polizia e investire il 2% del PIL nella difesa dello stato.
  7. Carceri: creare 15 mila posti in più nelle carceri per far fronte alla minaccia terroristica.
  8. Terrorismo: potenziare i servizi di intelligence. Creare un’unità speciale permanente anti-Isis. Modernizzazione degli strumenti di sicurezza interna.