Il Commercio “Sud-Sud”: Quando gli Affari Invertono la Rotta

Nel report, l’economista inglese spiega come la crescita di output e l’incremento di investimenti diretti dovuti alla liberalizzazione e all’apertura dei mercati da parte di alcune economie emergenti abbiano portato in breve tempo alla creazione di questo nuovo modello, chiamato “Commercio Sud-Sud”. Inteso come un intenso traffico di beni e capitali tra paesi appartenenti al Sud del Mondo, questo schema economico sembra capace di stravolgere le classiche rotte commerciali e rivoluzionare l’economia globale, agevolando il collegamento tra le economie di Asia, Medio Oriente, Africa e America Latina.

Stando ai dati forniti dall’UNCTAD (United Nations Conference on Trade and Development), fino al 2012 un quarto delle esportazioni mondiali di merci (con un valore che si aggira intorno ai 18 trilioni di dollari) si verifica tra i paesi in via di sviluppo, nell’ambito di questa nuova tendenza commerciale.

Immagine

Dati riportati in milioni di dollari a prezzi e tassi di cambio correnti.

Fonte: UNCTAD