“il Debito è Nostro ma il Problema è Vostro!”: L’Ipotesi Grexit a 40 Anni dalla fine di Bretton Woods

Pertanto, a fronte di una costante crescita dei dollari in circolazione, non ci volle molto a far capire ai detentori di dollari (e come tali creditori nei conformi degli U.S.) che il loro credito diventava sempre più precario. Gli episodi più eclatanti narrano dei tentativi di Regno Unito e Francia di cambiare in oro cospicue riserve di dollari, ma tali richieste sortirono l’unico effetto di accelerare il processo di sospensione della convertibilità del dollora in oro annunciato da Nixon il 15/08/1971.

Facendo un salto di oltre 40 anni, sarebbe affascinante immaginare il primo ministro greco Tsipras rivolgere all'eterno insoddisfatto Schàuble una frase del tipo: "il debito e' nostro ma il problema e' vostro!”. In altri termini quella che chiamiamo oggi “grexit” sarebbe probabilmente una via di uscita per la Grecia, ma non per i suoi creditori che si troverebbero con un credito svalutato come accadde ai creditori dell'America alla fine di Bretton Woods.

Perche', per una nazione che ha una valuta propria e cambi flessibili, e' impossibile dichiarare default accettando gli effetti collaterali che la svalutazione della moneta porta con sè. Insomma, come sempre avviene nella storia, nulla è nuovo anche se tutto è diverso.