Il Paese Digitale

agenda-digitale-italia

Connettività, competenze internet, utilizzo attività online, sviluppo digitale delle tecnologie e dei servizi pubblici: questi gli aspetti presi in esame da uno studio della Commissione europea sul livello di digitalizzazione di ciascun Paese membro. Quello che emerge è una mancanza di uniformità della digitalizzazione dei Paesi e un mercato unico digitale rappresenta ancora una lontana chimera. Dall’analisi dei dati riferiti al 2013 e 2014, l ’Italia si colloca al 25° posto su 28 Stati membri dell’UE. Le imprese italiane sono ancora in gran parte “non digitali” (solo il 5,1 % delle PMI vendono online). In ritardo anche le connessioni internet veloci (disponibili solo per il 21% delle famiglie nel dicembre 2013 e solo il 51 % delle famiglie è abbonato alla banda larga fissa). Bassa anche la percentuale di utenti regolari di intenet (59 %). Solo il 42 % degli utenti di internet, infine, fa uso regolare di servizi bancari online e il 35 % fa acquisti online. Migliorano i dati riguardanti i servizi pubblici digitali in Italia, che si avvicina alla media UE. I servizi di eGovernment, invece, rimangono scarsi, in parte a causa dei servizi pubblici online non sufficientemente sviluppati e in parte per le scarse competenze digitali. In linea generale, l’indice dell’economia e della società digitali ha rilevato quanto segue:

l’esperienza digitale dipende dal paese in cui si vive
la maggior parte dei cittadini europei usa internet regolarmente
i cittadini europei desiderano accedere a contenuti audiovisivi online: il 49% degli utenti europei di internet ha utilizzato o scaricato giochi, immagini, film o musica. Il 39% dei nuclei familiari che possiedono un televisore guarda video su richiesta
le piccole e medie imprese (PMI) incontrano difficoltà nel commercio elettronico: solo il 15% delle PMI vende online e meno della metà di questa percentuale vende all’estero
i servizi pubblici digitali sono una realtà quotidiana in alcuni paesi, ma quasi inesistenti in altri.
L’indice di digitalizzazione di un Paese è rilevante in quanto la Commissione europea sta elaborando la strategia per il mercato unico digitale. La strategia mira a creare le condizioni adeguate affinché le imprese e i cittadini europei facciano un uso migliore delle grandi opportunità offerte dalla tecnologia digitale al di là dei confini nazionali.