Il Punto sui Mercati

mercati

La proposta del fondo americano Apollo di rilevare tutti i crediti deteriorati di Banca Carige, valutandoli al 18% del valore nominale, ha spaventato il mercato azionario italiano ed europeo. Da tempo gli investitori sono preoccupati per la solidità del sistema bancario  e per la gestione dell’ammontare di crediti inesigibili che pesano sui bilanci e sulla redditività del sistema. Applicando la stessa valutazione (18% del nominale) a tutti i crediti deteriorati del sistema, parecchi istituti di credito sarebbero in difficoltà patrimoniale e sarebbero costretti ad un aumento di capitale.

Il mercato azionario americano ha invece avuto un andamento più lineare, tranquillizzato dal Presidente della FED in merito alle decisioni future sui tassi, ammorbidendo la propria visione in risposta alle difficolta economiche globali. Il rendimento dei T-bond è sceso ulteriormente mentre il dollaro ha subito un brusco indebolimento tornando sopra quota 1,13.

Sul fronte delle commodities, in attesa del meeting di Doha, il petrolio ha subito una brusca battuta di arresto, riportandosi abbondantemente sotto 40 $ al barile e mettendo di nuovo pressione sui mercati emergenti esportatori di materie prime.

il punto sui mercati

Notizie dalla rete

Perché i Big Data rivoluzioneranno la gestione degli asset

Sottovalutare l’importanza di questo nuovo strumento potrebbe essere un errore: siamo di fronte a una nuova fonte di alfa non accessibile a qualsiasi entità. Alcune SGR hanno iniziato a sviluppare modelli personalizzati e ad applicarli alle proprie strategie di gestione.

La strana storia dei falsi fondi attivi che le autorità non riescono a colpire

Immaginate di aver comprato un’auto fuoriserie su cui è stato montato il motore di un’utilitaria…

Economia mondiale: chi contribuisce di più alla crescita?

In un mondo caratterizzato da alto debito e bassa inflazione, la crescita economica sembra l’unica soluzione possibile. In attesa che gli economisti ci spieghino se e come è possibile crescere in un contesto come quello attuale, è istruttivo capire chi ha contribuito maggiormente alla crescita del PIL mondiale nel corso degli ultimi 35 anni.

Assiom Forex, gli operatori finanziari si aspettano un rialzo delle Borse

Dopo un primo trimestre che ha visto Piazza Affari cedere poco meno di un quinto del proprio valore, i prossimi mesi del 2016 dovrebbero vedere un ritorno in pianta stabile del sereno.

La nostra view

La situazione attuale risulta nebulosa, in particolare in Europa, dove prevalgono le incertezze sul sistema bancario e assicurativo. Da un lato esiste il supporto della BCE, dall’altra il dilemma dei crediti deteriorati e della redditività bancaria in un contesto di tassi prossimi allo zero continua a preoccupare gli investitori. Dopo i recenti progressi, preoccupa anche la correzione del prezzo del greggio, per i suoi effetti deflazionistici.

Nonostante ciò, manteniamo una visione di medio termine moderatamente positiva sul mercato azionario, riconoscendo tuttavia una bassa direzionalità che necessita un approccio all’investimento flessibile e una particolare attenzione al controllo dei rischi di portafoglio.

punto mercati