Il Suono Dell’Imprenditoria: Intervista a Luca Capozzi, Owner di Progsounds

Come mai hai deciso di cambiare e diventare imprenditore?

La decisione parte da alcuni miei “difetti” caratteriali: testardaggine, continua ricerca di nuove sfide, voglia di mettersi in gioco. La vita da dipendente mi andava sempre più stretta e la voglia di intraprendere nuove strade e creare qualcosa che fosse interamente mio è cresciuta fino a diventare incontenibile. Dopo il normale orario di lavoro, mi dedicavo allo studio delle tecniche che mi avrebbero portato a realizzare i primi prodotti. Dopo qualche anno di studio e diversi tentativi per sondare il terreno, ho capito che dovevo provarci sul serio. Così, ho lasciato il mio vecchio lavoro per dedicarmi esclusivamente a questo. Quando si è “senza rete” e bisogna contare solo su se stessi per il proprio sostentamento, ci si accorge di avere una forza d’animo inaspettata.

10168095_513326415438686_7743542219034103295_n

La tua società si occupa di sound design e commercializzazione di prodotti digitali. Com’è nata l’idea?

Premetto che sono sempre stato innamorato della musica e del suono. Sono stato bassista ma, a causa di un problema ai tendini, ho dovuto smettere di suonare. La ricerca di qualcosa di nuovo con cui poter fare musica mi ha portato a scoprire il mondo dei sintetizzatori e del sound design, ovvero l’arte di creare sonorità nuove da utilizzare per la composizione musicale o la creazione di effetti per film, videogiochi ed altri media.