Invasione di Locuste in Madagascar, Una Piaga di Dimensioni Bibliche

L’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite, la FAO, ha così potuto lanciare la campagna di pesticidi per tentare di mettere sotto controllo il problema. Dal settembre 2013 sono stati trattati circa 1,2 milioni di ettari salvaguardando una sicurezza alimentare messa in serio pericolo dalle locuste, operative in sciami da più di un miliardo di unità l’uno. Il 99% dei trattamenti chimici sono stati condotti per via aerea, e grazie alle tre basi mobili si sono potuti seguire gli spostamenti degli insetti, garantendo il salvataggio delle colture ancora in vita. Alle locuste bastano infatti un paio d’ore per distruggere completamente un raccolto e gli effetti dell’invasione sono sotto gli occhi di tutti.

Secondo uno studio della Banca Mondiale la percentuale di persone che vive sotto la soglia di povertà, già molto alta in uno dei paesi più poveri al mondo, potrebbe aumentare vertiginosamente se non si risolvesse il problema. Quando tuttavia la situazione sembrava essersi stabilizzata il caldo anomalo di agosto ha portato gli insetti fino alla capitale. Uno sciame di locuste dagli ambienti rurali si è spostato fino alla capitale Antananarivo, oscurandone il cielo e stravolgendo la vita quotidiana di circa due milioni di persone. Qui ovviamente non ci sono raccolti in pericolo ma la popolazione è stata messa in guardia circa la propria salute.