L.A. Clippers: Steve Ballmer è il Nuovo Proprietario per 2 Miliardi di Dollari

lead_large

Sebbene il caso Sterling sia ben lontano dal considerarsi chiuso, soprattutto perché ha fatto tornare al centro dell’attenzione la complessa e mai completamente risolta problematica del razzismo, questa settimana segna una svolta decisiva, almeno per quanto riguarda la proprietà dei Los Angeles Clippers. La seconda franchigia della città, che quest’anno ha umiliato più volte i rivali più blasonati, i Lakers, fino ad arrivare alle semifinali dei playoff ad Ovest, sembra aver trovato un nuovo proprietario. La lotta per l’acquisto dei Clippers si era scatenata dopo la squalifica a vita di Sterling decretata dal commisioner NBA Adam Silver, in seguito alle note dichiarazioni razziste dell’ormai ex presidente della squadra.

Il vincitore della lunga battaglia è stato Steve Ballmer, ex CEO di Microsoft, che si è aggiudicato la proprietà della franchigia per circa 2 miliardi di dollari, stando al Los Angeles Times. Ballmer ha vinto la concorrenza di diversi nomi altisonanti associati, più o meno fondatamente, alla trattativa: tra gli altri, il noto pugile Floyd Mayweather, Oprah Winfrey ed addirittura Magic Johnson, simbolo ed ex stella dei Lakers, ma soprattutto elemento centrale nella vicenda che ha portato alla squalifica di Sterling.

Dopo un incontro, avvenuto domenica a Malibu, con Shelly Sterling, moglie dell’ex proprietario della squadra, nonché capo delle operazioni in casa Clippers, pare che Ballmer abbia convinto i venditori, con un’offerta superiore ad 1,8 miliardi di dollari, battendo la concorrenza di 1,6 miliardi di dollari da parte di un gruppo di investitori losangelini, capitanato da David Geffen, proprietario dei Los Angeles Dodgers (baseball).

Con la firma della famiglia Sterling, al nuovo proprietario manca solo il benestare di almeno ¾ dei restanti 29 azionisti dei Clippers, i quali dovrebbero rivelarsi favorevoli, a patto che, come promesso, Ballmer mantenga la franchigia a Los Angeles e non la trasferisca a Seattle, dove vive attualmente. L’unica preoccupazione degli azionisti sono i trascorsi dell’acquirente che, soltanto l’anno scorso, ha tentato di comprare i Kings, altra franchigia NBA, e di trasferire la squadra dalla città di Sacramento, dove si trovano tutt’ora.

Tenendo conto di tutti questi fattori, le fonti che hanno portato alla luce la trattativa paiono comunque fiduciose in una conclusione positiva, che porti Steve Ballmer ad acquistare i Los Angels Clippers, nel tentativo di riportare un equilibrio societario che potrebbe far sognare i tifosi, visti gli ottimi risultati ottenuti in questa stagione, nonostante il polverone che ha visto coinvolto l’ex proprietario Donald Sterling.