La Brexit Secondo Banksy

banksy brexit

Da un lato del Canale della Manica, l’europeista Emmanuel Macron viene eletto nuovo Presidente della Repubblica francese, dall’altro lato il Regno Unito si allontana sempre più da un’Europa traballante.

E il famoso, ma inafferrabile, artista inglese Banksy ritorna all’attacco con i suoi graffiti colmi di critica politica e morale.

Questa volta fa apparire un graffito a Dover, nell’area portuale che divide le coste inglesi dal mare.

banksy-EU-mural-brexit-dover-england-designboom-600

Il graffito in questione, che copre tutta la facciata di un palazzo ormai invecchiato, raffigura un operaio che con martello e scalpello falcia via una stella dalla grande bandiera europea.

Il graffito si inserisce in un momento controverso per la politica europea: il Regno Unito è attualmente in fase di elezioni generali che detteranno le prossime mosse sulla questione Brexit e quindi l’imminente uscita dall’Unione Europea.

Sul tema Europa, l’artista ha creato opere, precisamente a Londra, circa le condizioni dei rifugiati di Calais, frontiera francese.

Ha creato poi, presso una località marina inglese, un parco a tema, su falsa riga di quelli proposti da Disney, chiamato proprio Dismaland.


dismaland
E’ stato definito:

Banksy, attraverso un filo rosso dissacratorio e tagliente, continua la sua campagna contro le istituzioni toccando ogni volta tematiche nuove, quindi attuali.

L’artista si inserisce nella società in maniera attiva e prevaricatrice: le sue opere sono molto spesso di grande formato catturando così l’attenzione e chi le guarda è sempre posto ad un’attenta riformulazione del concetto sia artistico che sociale.

banksy3
In maniera scaltra, diretta e mai banale, l’artista ci obbliga a pensare a cosa stia succedendo intorno a noi.

Banksy che, tra le altre cose, non ha mai rivelato la propria identità: potrebbe essere un singolo, si è ipotizzato un collettivo, senza riuscire però ad avere mai certezze.

La prerogativa, però, è sicuramente l’inaspettata: Banksy fa apparire le sue opere da un giorno all’altro, senza che i più ne siano a conoscenza.

banksy-crayon

L’arte, quindi, non è solo colori su una tela, o qualsiasi sia il supporto o il mezzo; è anche veicolare un messaggio che in contesti differenti non riuscirebbe a rimanere impresso.

Sono messaggi veloci che stupiscono e ci pongono, in maniera perpetua, delle domande a cui noi dobbiamo trovare soluzione e risposta.

Banksy è così: ci crea dei quesiti, ci impone di soffermarci sulla questione in una maniera più esplicita e appagante, perché in fondo i suoi graffiti piacciono a tutti, anche a quelli più bigotti!

banksy2