La Londra Marittima: Greenwich

Cosa vedere:

  • National Maritime Museum. Come tutti i musei nazionali britannici, l’ingresso è gratuito e vale sicuramente una visita. Se si è affascinati dal mare in ogni suo aspetto, dalla navigazione su vascello alle battaglie della Royal Navy durante la Grande Guerra, dalle rotte commerciali alla celebratissima Battaglia di Trafalgar, questo è il posto giusto. Da segnalare in particolare la divisa che indossava Horatio Nelson al momento della sua dipartita, con ancora il foro del proiettile fatale sotto la clavicola sinistra, e la Caird Library, la più grande biblioteca di riferimento storico-marittimo al mondo.
  • Old Royal Naval College. Location di numerose riprese cinematografiche in costume (non ultimo The Duchess con Keira Knightley), l’antico college in cui veniva istruita la Marina Inglese al servizio di Sua Maestà è ancora oggi usata come campus principale della Greenwich University. La maggior parte del vasto giardino tuttavia è visitabile dai turisti e dai curiosi, compresa la grande hall dal soffitto dipinto, definita “la Cappella Sistina del Regno Unito”.
  • Greenwich Market. Il classico e sempre grazioso mercatino, un insieme di colorate bancarelle ospitate sotto una struttura di vetro e ferro battuto, quasi fosse una serra. Si possono trovare prodotti artigianali (collane, saponi, oggetti vari) e alimentari, etnici soprattutto.
  • Royal Observatory. Non si può passare da Greenwich senza aver almeno dato un’occhiata al meridiano zero, una linea fisicamente tracciata sul selciato che divide in due il pianeta. Entrare nell’Osservatorio costa 18 sterline, se volete approfondire la visita e osservare altre unità di misura primigenie, come il metro; ma il meridiano si vede perfettamente dal cancello, quindi la scelta sta al visitatore. Menzione speciale per il parco in cui è immerso l’Osservatorio, una distesa di verde che s’inerpica in collina – la salita è piuttosto ripida – per offrire alla vista un panorama mozzafiato del Museo Marittimo, della Queen’s House e di tutta Greenwich.
  • Cutty Sark. Chi ha tempo e soldi, perché anche qua la visita non è gratis, non può farsi mancare una passeggiata sopra coperta e un’occhiata più da vicino allo scafo della nave; questa volta, il “museo” dedicato al veliero è costruito direttamente attorno all’imbarcazione. C’è la possibilità di comprare un biglietto “multiplo”, che permette l’accesso alla nave, all’Osservatorio e alla Queen’s House, risparmiando qualche sterlina. Il Cutty Sark, comunque, è splendido visto anche da fuori.