La Magia di Florence Welch e la sua Machine

florence and the machine

A Torino un cielo limpido e sereno avvolge i numerosi fan in attesa davanti ai cancelli del Pala Alpitour. Sono in fila per il concerto di Florence and the Machine, uno dei gruppi indie rock che spopolano tra i giovani. Dopo la puntata a Bologna del giorno precedente, Florence Welch e la sua band hanno ammaliato il pubblico torinese con la scaletta del How big tour, nome ispirato dal titolo dell’ultimo album How big, how blue, how beautiful.

Florence machine

 

Ecco i pezzi suonati:

What the water gave me;

Ship to wreck;

Bird song intro;

Rabbit heart;

Shake it out;

Delilah;

Sweet nothing;

You’ve got the love;

How big, how blue, how beautiful;

Cosmic love;

Long & lost;

Mother;

Queen of peace;

Spectrum;

Dog days are over;

 

Prima dell’esibizione di Florence + the Machine, a intrattenere il pubblico è il gruppo spalla capitanato da Gabriel Bruce, musicista londinese classe 1989, che presenta un sound fra i Depeche Mode e i Placebo.

Durante il concerto, Florence percorre il palco con piroette e salti aggraziati, mostrando l’abito blu svolazzante firmato Gucci, per cui è la testimonial di molti prodotti. Oltre a cantare rappresenta in maniera teatrale il significato delle sue canzoni, che hanno, non a caso, testi profondi e non affatto ovvi.

Florence Machine_2

 Florence parlando al microfono al suo pubblico inneggia all’amore, al contatto fisico e pacifico fra i fan che la guardano adoranti: infatti tutti si abbracciano non appena lei invita a farlo con un sorriso luccicante.

In questa atmosfera un po’ peace and love la frontwoman non risparmia baci e carezze alle ragazze e ai ragazzi che si protendono verso di lei anche solo per toccarle il polso, la mano, l’orlo del vestito.

Florence machine_3

Dietro, quasi in penombra rispetto alla centralità di una Florence istrionica, i Machine la sostengono ritmicamente: sono una vera e propria macchina, anche complessa, di strumenti tipici delle rock band, di due gruppi di coriste e di un’imponente arpa, che si rivela uno dei suoni immancabili nella musica del gruppo.

Dopo le 15 canzoni in programma, Florence saluta il pubblico e l’adrenalina si esaurisce. Ma ciò che resta fra i fan è la speranza di rivederla calcare i palcoscenici di Italia il più presto possibile.