Le 5 Ragioni per cui il 2013 è il Miglior Anno nella Storia

Senza dubbio razzismo, sessismo, antisemitismo, omofobia e altre forme di discriminazione continuano a permanere. Il razzismo non è morto, però possiamo registrare anche buone notizie: nel tempo l’umanità ha ridotto tantissimo l’odio verso altri umani sulla base delle differenze. Viviamo nell’era meno discriminatoria della civiltà moderna. Solo poco più di un secolo fa, nel 1860, gli Afroamericani erano in catene, gli Ebrei europei erano angariati di routine nei ghetti, le donne non potevano lavorare fuori casa ed erano subordinate ai loro mariti, gli omosessuali erano invisibili, i bambini lavoravano molte ore al giorno. Nel 2000, il sociologo di Harvard Lawrence Bobo aveva coniato il termine di un “consenso nazionale” sulle idee di uguaglianza razziale ed integrazione. L’apartheid sudafricano è finito. I giovani del 2013 sono meno razzisti, ma è vero che il razzismo permane in forme subdole e insidiose. È un dovere morale stare all’erta, ma siamo sulla buona strada.

Alla fine dell’anno si tirano le somme e, prima degli auguri per l’anno successivo, si fa un bilancio dell’anno che sta finendo. Ma, rispetto al 2013, di cosa possiamo ringraziare? A febbraio un meteorite era esploso in Russia causando 1491 feriti; in Italia ci sono state le elezioni politiche che hanno portato a un governo non molto solido; c’è stato l’attentato a Boston; hanno abdicato la regina d’Olanda, il re del Belgio e, in qualche modo, papa Benedetto XVI; in Turchia ci sono state le proteste di piazza Taksim e in Egitto il colpo di stato contro il presidente Morsi; infine la tragedia di Lampedusa, guerra civile in Siria, terremoto e tifone Haiyan nelle Filippine, il shutdown americano, il caos delle rivelazioni dello spionaggio NSA, tutto ciò fa pensare a un anno tutt’altro che positivo.

Ci sono invece delle ragioni oggettive per pensare che il 2013 sia stato il migliore anno per l’umanità. Contrariamente a tutto ciò che abbiamo visto e sentito in quest’anno, le forze che più determinano la vita dell’uomo (durata della vita, possibilità di vivere felicemente e liberamente) hanno una tendenza estremamente positiva. Certamente tutto questo progresso può essere rovesciato da un qualsiasi evento negativo, ma è certo che il mondo sta diventando un posto più bello per vivere.

Vediamo 5 motivi di questa affermazione: