Loko, la StartUp Ispirata a Tinder ma Dedicata all’Abbigliamento

loko_teaser

In Polonia ha riscosso tanto successo: molti la utilizzano quotidianamente e Glamour.Pl ne ha scritto a riguardo. Se anche voi siete appassionati di moda e preferite fare acquisti online piuttosto che in negozio, sicuramente non vi lascerete scappare Loko, una start-up da poco lanciata in Italia che vi permette di scegliere tra pantaloni, scarpe e borse provenienti da diversi siti di shopping online. Abbiamo avuto l’opportunità di intervistare Karol, uno dei tre ragazzi che hanno ideato Loko.

loko_team
Loko

Loko è una start-up che permette agli utenti iscritti di scegliere capi di abbigliamento da diversi siti di e-commerce. Ma come funziona effettivamente?

“Loko è un aggregatore di prodotti provenienti da vari siti di e-commerce. Ci puoi trovare sia prodotti di grandi brand che capi di marchi italiani indipendenti. Usare Loko è semplicissimo: basta solo muovere il pollice. È strutturato come Tinder ma con diverso contenuto: la moda. Se il capo che vedi non ti piace lo swippi a sinistra, se invece ti piace fai lo stesso movimento ma verso destra.

loko-cosa1

 

In questo modo crei un tuo guardaroba privato dove saranno salvati tutti i prodotti che ti piacciono. Potrai poi acquistare i capi al momento oppure aspettare che ci siano degli sconti ed acquistarli in seguito direttamente dal tuo guardaroba.

loko-cosa2

Nella nostra app è anche molto importante l’aspetto dedicato ai social: puoi condividere il tuo capo preferito tramite Messenger e tra poco anche via WhatsApp. Stiamo lavorando anche per permettere agli utenti di condividere l’intero guardaroba, così che ognuno potrà mostrare la sua collezione agli amici.

loko-cosa3

Ciò che fa la differenza è il nostro algoritmo big data. Questo algoritmo analizza tutte le scelte degli utenti, i loro dati demografici e li paragona con quelli di altri utenti così da poter suggerire loro prodotti che sicuramente gradiranno. Più swippi, più sapremo cosa effettivamente ti piace: vedrai solo i prodotti che ti interessano”.

Com’è nata l’idea di Loko e come l’avete sviluppata? Avete trovato dei finanziatori oppure Loko è una “self made” app?

“Per il nome, abbiamo invertito le ultime due lettere della parola “look”. L’idea di Loko è nata dopo aver notato alcune cose. Prima di tutto il crescente trend di utilizzare gli smartphone per fare acquisti online. Osservando le statistiche, abbiamo notato che quasi il 50% delle persone oggi fanno acquisti dal loro dispositivo. Abbiamo poi notato che non è così facile acquistare sui siti di e-commerce da smartphone: i siti spesso non sono adatti per essere utilizzati da piccoli schermi. Per questo abbiamo deciso di aggiungere la semplicità di Tinder al nostro algoritmo di big-data. Tutti le informazioni che possiamo rintracciare hanno un grande valore e ci danno la possibilità di esplorare nuove opportunità.
Il primo round di finanziamenti ci ha permesso creare la versione MVP dell’app, trovare nuovi utenti e testare la risposta del pubblico in ognuno dei nostri mercati (Polonia, Italia e Indonesia). La risposta è stata super positiva e ci ha spinto a credere ancora di più nel nostro progetto. Ora stiamo pensando ad un secondo round che ci permetta di sviluppare nuovi tools, creare un team e aumentare il numero di utenti”.

Perché Loko è diversa da tutte le altre app dedicate alla vendita di abbigliamento? Quali sono i servizi e i partner che la rendono unica?

“Come ho detto prima, l’algoritmo di Loko suggerisce nuovi prodotti basandosi sulle scelte degli stessi utenti. Questo algoritmo è ciò che differenzia la nostra app da tutte le altre: se elimini un prodotto che non ti piace, fra le possibili scelte future non ti saranno mostrati capi simili a quello che avevi eliminato inizialmente. Ma non è finita qui: con Loko riceverai sconti personalizzati, disponibili soltanto per te. Inoltre, se un capo di abbigliamento presente nel tuo guardaroba è in saldo, una notifica push ti avvertirà immediatamente dello sconto. Aziende come Universal Music Poland o Havas Media hanno notato il potenziale di Loko e ci hanno chiesto di collaborare con loro, ma è ancora troppo presto per dire come queste partnership saranno strutturate”.

Per adesso Loko è disponibile in Italia, Polonia e Indonesia. Avete intenzione di lanciare l’app in altri paesi? Quali saranno gli sviluppi futuri?

“Certo! Loko è una start-up che ha possibilità di crescita visto che si basa su una tecnologia facilmente adattabile ad ogni mercato. Per ora il nostro interesse è però focalizzato su questi tre mercati. Non vogliamo espanderci prima di aver analizzato bene un nuovo mercato. Nei nostri piani futuri ci sono paesi come Francia e Spagna, mercati abbastanza saturati e maturi, molto simili all’Italia. Stiamo valutando anche se lanciare Loko in Turchia e Corea del Sud: abbiamo analizzato vari mercati internazionali e pensiamo che questi ci daranno maggiori possibilità di crescita. E’ molto difficile paragonare un mercato asiatico in via di sviluppo con un mercato europeo maturo però, dall’altra parte, ogni mercato fornirà nuove idee che ci saranno utili per sviluppare e migliorare Loko in futuro.
Per quanto riguarda gli sviluppi tecnologici, tra meno di un mese lanceremo la nostra app su iOS. Siamo convinti che questo ci permetterà di raddoppiare la nostra crescita in Italia. Stiamo pianificando anche di inserire gli User Retention Tools che ci permetteranno di mantenere i nostri utenti attivi e farli tornare da Loko più spesso”.