I Mercati Reggono alla Vittoria di Trump, l’UE Taglia le Stime di Crescita dell’Italia

mercati-finanziari

Nel mondo

Decine di migliaia di persone sono scese in strada in tutti gli Stati Uniti al grido di “Not my president” per protestare contro l’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca. Le due manifestazioni più imponenti si sono svolte a Chicago e a New York. Almeno 30 persone sono state arrestate a Manhattan (Ansa)

Il presidente russo Vladimir Putin si è congratulato con Trump e ha fatto sapere che Mosca “è pronta a far la sua parte e desidera ricostruire i rapporti a pieno titolo con gli USA”. (Ansa).

La banca d’affari americana Goldman Sachs sta valutando di spostare alcuni suoi asset e operazioni da Londra a Francoforte, nel tentativo di assicurarsi l’accesso al mercato UE quando la Gran Bretagna lascerà il blocco. Lo hanno detto all’agenzia di stampa Reuters fonti a conoscenza della vicenda.

Due pescherecci italiani sono stati sequestrati nella notte nel Mediterraneo e sono stati fatti attraccare al porto di Alessandria in Egitto. L’ambasciata italiana al Cairo sta seguendo il caso con un proprio rappresentante giunto ad Alessandria (Ansa).

In Italia

La Commissione UE ha ritoccato al ribasso le stime di crescita dell’Italia: +0,7% nel 2016 e +0,9% nel 2017, mentre in primavera prevedeva +1,1% e +1,3%. “La ripresa in Italia prosegue a passo modesto, visto che strette condizioni di finanziamento e incertezza trattengono una crescita più forte”, si legge nelle previsioni della Commissione. Riviste al rialzo, invece, le stime sul debito italiano: 133% nel 2016 e 133,1% nel 2017, mentre nella scorse previsioni era rispettivamente a 132,7% e 131,8% (Ansa).

Poste Italiane ha chiuso il terzo trimestre 2016 con un utile di 242 milioni di euro e ricavi in crescita del 7,6%. Oggi il gruppo presenterà la propria offerta per l’acquisizione di Pioneer.

Accadde oggi

Il 10 novembre del 1951 viene inaugurato il servizio di telefonate dirette da costa a costa negli Stati Uniti.

Economia e mercati

In Francia la produzione industriale ha visto un calo dell’1,1% in settembre rispetto ad agosto, decisamente sotto le attese che convergevano su una flessione più contenuta.

Sono calati oltre le attese gli ordini di macchinari in Giappone in settembre. Il dato ‘core’ – altamente volatile – ha segnato una contrazione del 3,3% su mese, più ampia del -2,2% registrato in agosto (Reuters).

Dopo un avvio negativo subito dopo la vittoria di Trump, le Borse globali sembrano aver retto bene alla notizia. Tokyo ha terminato le contrattazioni in rialzo del 6,72%, Sydney del 3,34% e Seul del 2,26%. Bene anche le altre piazze asiatiche e i principali indici di Wall Street, con il Dow Jones in rialzo dell’1,39% e l’S&P 500 in progresso dell’1,1%. Dopo un inizio in rosso, anche le Borse europee hanno girato in positivo, incoraggiate dall’apertura contrastata di Wall Street. Le uniche Piazze a cedere sono state Madrid (-0,4%) e Milano (-0,1%) (Ansa).

Gli investitori sembrano aver realizzato improvvisamente che Trump alla Casa Bianca e un Congresso tutto repubblicano possono portare benefici significativi a diversi settori e al mercato azionario nel suo complesso. Tra i comparti che hanno apprezzato di più la notizia c’è quello bancario, che beneficerebbe di un allentamento della regolamentazione del sistema finanziario, nelle corde dei repubblicani.

Bene anche il comparto farmaceutico, sollevato dalla sconfitta di Clinton che proponeva l’introduzione di controlli sui prezzi dei farmaci.

Dopo la vittoria di Donald Trump alle elezioni USA, l’ondata populista sembra diretta verso l’Italia. Lo scrive Bloomberg, evidenziando come lo spread tra il rendimento del decennale italiano e quello tedesco sia balzato in alto sia dopo la Brexit, sia dopo le elezioni americane, su timori che il presidente del Consiglio Matteo Renzi possa perdere il referendum costituzionale del 4 dicembre prossimo.

Occhio al dato

Istat pubblica i dati sulla produzione industriale di settembre.

In Francia, attesi i numeri sugli occupati non agricoli del 3° trimestre.

In Grecia, occhio ai prezzi al consumo di ottobre e al tasso di disoccupazione di agosto.

In Irlanda e in Portogallo arrivano i prezzi al consumo di ottobre.

Dagli USA attese le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione.