Mondiali in Qatar, lo Scandalo Fifa che Porta il Calcio all’Inferno

World-Cup-GQ-14May14_pr_b

Alla fine anche Sepp Blatter si è dovuto arrendere e si è dimesso. Gli enormi scandali di corruzione scoperti dagli agenti dell’ Fbi hanno screditato definitivamente il Presidente della Fifa, gettando una pesante ombra su alcune edizioni passate dei mondiali di calcio. La cosa più incredibile è che gli scandali di cui stiamo venendo a conoscenza potrebbero essere solo un purgatorio, il vero inferno, è il mondiale che si deve ancora giocare. Parliamo del Qatar.

Fbi, soccer e gatti

Già in passato abbiamo parlato di come la Fifa stia rovinando il gioco più bello del mondo. In seguito alle indagini il governo americano ha accusato uno svariato numero di ufficiali Fifa di un giro di corruzione da 150 milioni di dollari che venivano elargiti in molte maniere, dalle classiche valigette piene di soldi alle opere d’arte.

La cosa che in molti si sono chiesti allo scoppio dello scandalo è: Perché gli Usa, che sono il popolo e la nazione più lontani dal football, tanto da chiamarlo Soccer, indagano e scoprono questo giro di corruzione?

Come per l’arresto di Al Capone, tutta la vicenda è partita quando l’Internal Revenue Service (Irs), l’agenzia esattoriale del governo federale degli Stati Uniti, ha scoperto che Chuck Blazer (in foto), ex segretario generale della Confederazione dell’America del Nord (Concacaf), per anni non ha mai effettuato una dichiarazione dei redditi. La cosa si colora di tinte alquanto ridicole se si considera lo stile di vita che questo ufficiale Fifa conduceva da anni, Blazer infatti possedeva un appartamento nella Trump Tower, uno dei grattacieli più esclusivi nel cuore di Manhattan, esclusivamente per il suo gatto.

Chuck Blazer

Dopo l’arresto Blazer è diventato un informatore dell’Fbi e in questi giorni sta rilasciando dichiarazioni su quanto la corruzione degli ufficiali Fifa fosse radicata, in particolare nell’assegnazione dei Mondiali, come quelli di Francia nel 1998, quelli in Sud Africa nel 2010 e quelli in Brasile nel 2014.