Lo Smog sta Letteralmente Soffocando Nuova Delhi

newdelhi

La festa induista di Diwali potrebbe sì aver contribuito alla presenza di un’opprimente cappa di smog sulla capitale dell’India, Nuova Delhi, ma una pratica ben più preoccupante, diffusa capillarmente nel paese, potrebbe esserne la causa principale, secondo la NASA.

Quattro giorni dopo le festività, gli abitanti di Nuova Delhi continuano a fare i conti con lo smog e i suoi effetti collaterali, come la scarsa visibilità e una qualità dell’aria pericolosamente bassa nell’intera metropoli.

Fino ad ora, si è creduto che la causa dell’inquinamento fossero i moltissimi petardi scoppiati come da tradizione durante le festività, ma immagini pubblicate dalla NASA sembrano suggerire che all’origine della cappa di smog vi siano gli incendi nei campi coltivati di due province indiane vicine alla capitale, il Punjab e l’Haryana.

Le previsioni dell’agenzia governativa americana hanno individuato incendi e anomalie termiche nel Punjab e in parte del Pakistan; secondo il New York Times, ben 32 milioni di tonnellate di paglia avanzata sono state incendiate dai contadini del luogo.

Questa pratica si perde nella notte dei tempi, e nonostante il governo indiano si sia dato da fare per suggerire alternative ai lavoratori agricoli del subcontinente, come l’uso di seminatrici che non richiedono l’incendio delle colture, pagando per metà il loro costo, queste soluzioni vengono ancora considerate, dai contadini indiani, non fattibili.

La quantità di polveri sottili nell’aria di Nuova Delhi supera ora di 15 volte il limite fissato dal governo indiano, e un sempre crescente numero di cittadini sta sperimentando di persona le conseguenze che queste polveri possono avere sul corpo umano, affollando gli ospedali a causa di difficoltà respiratorie causate dalla presenza delle polveri nei polmoni; migliaia di abitanti di Nuova Delhi hanno firmato petizioni per convincere il governo ad intervenire in maniera decisa e ridurre l’inquinamento della capitale.

Il governo ha annunciato che aspirerà le strade di Nuova Delhi e le spruzzerà con acqua.