Ortega Supera Gates: è Lui l’Uomo più Ricco del Mondo

amancio ortega

Amancio Ortega Gaona è di nuovo l’uomo più ricco del mondo. Era già successo nell’ottobre del 2015 ma il primato in quella occasione durò una sola giornata. La borsa confermò Gates come l’uomo più ricco al mondo il giorno seguente. Questa volta, invece, sembra che il primo posto sia proprio di Ortega e non durerà di certo un solo giorno.

Amancio, proprietario di Inditex, la società che controlla Zara, Bershka e tanti altri marchi, conta oggi un patrimonio 78,6 miliardi di dollari mentre il proprietario di Microsoft ne controlla poco meno, 78,5 miliardi.

Il re dell’abbigliamento spagnolo, classe 1936, figlio di uno spazzino, apre il primo punto vendita di biancheria a La Coruna. Dopo l’apertura della prima confezione, Inditex (che sta per Industria del Diseno Textil) cresce e si amplia nel corso degli anni grazie a grandi investimenti industriali effettuati con gli utili ma anche grazie al sostegno delle più importanti banche di Spagna.

Oggi l’impero di Ortega avanza senza sosta: 31 nuovi punti vendita (che vanno ad aggiungersi ai 7.085 esistenti in 90 Paesi) aperti nel secondo trimestre del 2016, compreso il primo emporio in Vietnam. In un solo trimestre ha creato 11.900 posti di lavoro, registrando un tasso di crescita del 17% in tempi di crisi (per i concorrenti, ovviamente).

Diversi sono gli studi sul miliardario spagnolo, molte sono le biografie che riportano il suo nome o le università di economica che ne analizzano il caso. Il fattore che garantisce successo e continue vendite all’impero Inditex è la velocità con cui i prodotti, copiati e riadattati dalle passerelle di alta moda, escano dalle fabbriche per arrivare nei punti vendita dei diversi centri città. La chiamano fast fashion, collezioni ispirate all’alta moda con prezzi convenienti.

Don Amancio, però, rimane umile e fedele alla sua azienda. Ama consumare il pranzo in mensa con i suoi operai, magari facendosi raccontare le ultime gesta del Deportivo perché non ha l’abbonamento satellitare. O forse perché di domenica, quando non lavora, segue le gesta di sua figlia, impegnata in concorsi ippici in Spagna e non solo.