Papa Francesco e Giorgio Napolitano Aprono la Biennale dell’Economia Cooperativa a Bologna

economia-cooperativa1

Cos’è l’economia sociale? Come si coniuga etica e lavoro? Per rispondere a queste domande, in occasione dei 130 anni di Legacoop, la Lega delle Cooperative Italiane, fondata nel 1886, apre a Bologna la Biennale dell’Economia Cooperativa.

La discussione, in programma da 7 al 9 ottobre, si impernia su temi quasi dimenticati in un mercato globale sempre più globalizzato, in cui il rispetto per il lavoratore fa fatica a stare dietro alla minaccia dell’outsourcing.

La 3 giorni di confronto sull’economia cooperativa lascia ben sperare visti gli ospiti di eccellenza con cui si apre nella sua prima giornata.

Non sono mancati interventi dal mondo della politica, tra cui il presidente della regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini e il sindaco della città di Bologna Virginio Merola, né dal Vaticano, da sempre vicino al tema della solidarietà e della cooperazione, di cui si fa portavoce il neo arcivescovo del capoluogo monsignor Matteo Maria Zuppi.

Dalla Santa Sede arriva addirittura una lettera, firmata da Papa Francesco, che “esprime vivo apprezzamento per ogni iniziativa solidale che chiama a riflettere sulla necessità di un’economia impregnata dall’etica che pone al centro la persona e il suo integrale sviluppo“. Il pontefice, infine, pone l’accento sul concetto di equità e giustizia, visto come “motore principale dello sviluppo“.

economia-cooperativa2

Ospite più atteso della prima giornata però è stato senza dubbio il Presidente Emerito della Repubblica Giorgio Napolitano, che, accompagnato dall’immancabile compagna di vita Clio, non ha mostrato indulgenza verso le Cooperative italiane, richiamate a causa della loro “tardiva e inspiegabile” reazione di fronte allo scandalo di Mafia Capitale.

Seppur non esplicito, non può essere ignorato il chiaro riferimento al tema, ormai caldissimo, del referendum costituzionale del 4 dicembre: “ci sono dei problemi, anche istituzionali, che ci trasciniamo da decenni e non siamo mai stati in grado di risolvere, è arrivato il momento di farlo” ha detto l’ex capo di stato italiano, interrotto più volte dagli applausi, per poi chiudere sull’importanza della trasparenza all’interno delle Cooperative.

A terminare la giornata è invece Tiziana Primori, vice presidente di Eataly, la società presieduta da Oscar Farinetti, che dall’ottobre 2014 è anche AD di Eataly Word Bologna, la società che sta realizzando e gestirà il primo parco tematico dedicato all’eccellenza dell’agroalimentare italiano: FICO (Fabbrica Italiana Contadina).

Per la giornata di oggi, 8 ottobre, invece sono attesi personaggi di spicco del panorama politico internazionale e nazionale, tra cui Romano Prodi, già presidente della Commissione Europea, Joseph Stiglitz, premio Nobel per l’Economia nel 2001, Susanna Camusso, Segretario Generale CGIL, Federica Mogherini, Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e Giulio Tremonti, già Ministro dell’Economia e delle Finanze.