Perché Dimentichiamo i Nome delle Persone Quando ci Presentiamo? La Scienza Risponde

piacere

E’ capitato a tutti. Serata tra amici. Nuove persone. La mano che si allunga con l’intento di far la loro conoscenza. L’attenzione che si sposta sul dire correttamente il nostro nome e…puff!! Non ascoltiamo il loro, passando alla persona successiva. Se vi state chiedendo perché questo succede sempre, tranquilli: c’è una spiegazione scientifica.

Per Katie Simpson, 26 anni, il curioso fenomeno di dimenticare il nome di qualcuno non appena lo si incontra è semplicemente una questione di genetica.

“Mio padre ed io ricordiamo le facce abbastanza bene, ma ci sono un sacco di nomi che non ricordiamo”, ha detto Katie. Dimenticare i nomi è “così comune che non sembra più degno di nota”, ha spiegato la Simpson. “Succede spesso ai grandi eventi, come feste di compleanno o cene aziendali.’Stiamo parlando da 15 minuti, quindi, come ti chiami?‘ La gente di solito ne ride, o dà la colpa a [quei] due bicchieri di vino.”

nomi

“I nomi stessi sono cose piuttosto arbitrarie,” ha detto David Badre, professore associato di scienze cognitive, linguistiche e psicologiche alla Brown University. Badre, la cui ricerca di laboratorio si concentra sulla memoria e il controllo cognitivo, ha spiegato che è molto più facile per noi ricordare fatti e dettagli quando abbiamo già una conoscenza di base e quando abbiamo già stabilito che si tratta di qualcosa che ci interessa. Al contrario, quando si incontrano persone per la prima volta, si ha poca o nessuna conoscenza di quello che sono o fanno, così i loro nomi in genere entrano da un orecchio ed escono dall’altro.

“Non riempiamo arbitrariamente i cassetti di file nella nostra testa”, ha detto Badre. “Per chi ama veramente il baseball, è incredibilmente facile imparare nuovi fatti di baseball. Questo succede perché si ha una grande conoscenza di base e si può utilizzarla per apprendere nuove informazioni. Ma se allo stesso viene chiesto di memorizzare cose a caso – fatti oscuri, per esempio – questo non ha il vantaggio di beneficiare di tutta quella conoscenza di base. E con i nomi è un po’ la stessa cosa”.

Inoltre, Badre ha commentato che se un nome non ci colpisce fin da subito, siamo meno propensi a fare degli sforzi per ricordarlo – vale a dire, ripeterlo nella nostra testa o all’interno della conversazione.

Molly Potter, professore di psicologia presso il Massachusetts Institute of Technology, che studia l’attenzione, la percezione, la comprensione e la memoria, ha sottolineato che il carattere arbitrario è spesso sconnesso dai nomi.
“I nomi sono di solito minimamente significativi” ha detto Potter in un’e-mail. “Se ti dicono che lei è Joan Spencer o Anna Brock, poche sono le informazioni distintive da connettere a lei, una volta che il suono del suo nome non è più presente nella tua mente.”
Eppure altre cose che ci vengono dette solo una volta – aneddoti, per esempio, o specifici dettagli personali, come le occupazioni e gli interessi – sono molto più facili da ricordare. “È interessante notare che siamo bravi a ricordare storie, sotto forma di gossip, romanzi, film o simili, anche dopo un solo udito o la singola visione”, ha osservato Potter.

Rispetto ad altre caratteristiche identificative, i nomi sono una minore priorità. Per Katie Simpson, i nomi sono molto meno rilevanti di cose quali i dettagli del viso di un nuovo conoscente o il livello di interesse nella conversazione: “Nella mia famiglia, in un certo senso, è quello che i nostri cervelli hanno scelto di ricordare”, ha detto. “I nostri cervelli sono più concentrati sui dettagli”.

Badre ha detto che questo metodo ha un senso. “Si tratta di dare priorità a certi ricordi. La nostra memoria non è così sviluppata da ricordare tutto. E’ lì per ricordare le cose di cui abbiamo bisogno, quando ne abbiamo bisogno”, ha detto. “Quando incontriamo per la prima volta qualcuno… [il nostro] cervello è in overdrive. Ci sono così tante informazioni a cui si sta cercando di pensare che il nome passa in secondo piano.”

C’è una strana contraddizione tra la frequenza con cui il fenomeno di dimenticare il nome di qualcuno si verifica e le offese che può provocare. Come ha sottolineato Potter, “il problema è che il nostro nome è importante per noi, così quando qualcuno se lo dimentica immediatamente, pensiamo che non ci stesse ascoltando o non fosse interessato a noi.”

Per Katie Simpson l’incapacità di ricordare il nome dell’interlocutore è un ostacolo sociale. Prendete l’ex presidente Bill Clinton, che si dice avere una memoria eccellente per le persone e le esperienze. In un’intervista del 2004, Oprah Winfrey ha reso nota la “memoria straordinaria anche per le esperienze più brevi e per i nomi delle persone e delle storie” di Clinton. Il suo carisma ultraterreno, ovviamente, è altrettanto leggendario. “Questo tipo di memoria tocca le persone”, ha detto Simpson a Mic. “C’è un vero e proprio potere nel ricordare i nomi.”

nomi .

Fortunatamente, ci sono alcuni modi per essere come l’ex presidente americano, pur non possedendo le sue capacità oratorie, non temete.

“Ci sono un paio di approcci diversi” ha dichiarato Daniele Wendler, l’autore di Improve Your Social Skills, una guida on-line per l’interazione sociale.  “Uno di questi è la semplice ripetizione. Se si ripete [il nome] subito dopo averlo sentito, questo non aiuta più di tanto. Ma se sei in grado di ripeterlo un paio di volte, e in un paio di modi diversi, questo può aiutare a fissarlo più a fondo nella mente.”

Wendler ha consigliato di incorporare il nome nelle frasi, sempre assicurandosi che sia qualcosa di creativo, che non risulti goffo e impacciato. “Cose come, ‘Ok, allora, hai detto che sei un ingegnere, non sono mai stato un ingegnere, com’è? Se fossi Joe e fosse il mio primo giorno di lavoro, come sarebbe?’ “Anche l’allitterazione può essere utile; pensare a Joe come “Jumping Joe” e visualizzare la persona che salta su e giù è più facile da memorizzare rispetto a pensare a loro semplicemente come “Joe”.

Wendler ha dichiarato che non importa se ci si dimentica il nome di qualcuno. Capita a tutti, e la maggior parte delle persone probabilmente non vi odierà per questo. “Penso che sia qualcosa che può succedere a tutti, in maggiore o minor misura” ha detto. “E’ normale. Non è un gran passo falso. È possibile chiedere il loro nome di nuovo alla fine della conversazione. Non ho mai avuto una brutta risposta quando ho ammesso di aver dimenticato un nome.”