Pitch & Drink Cagliari: Ecco le Startup che Hanno Partecipato all’Evento

pitch drink cagliari

Il 27 marzo al Open Campus Tiscali di Cagliari, si è svolto Pitch and Drink evento di networking rivolto alle startup, in cui gli aspiranti imprenditori possono presentare la propria idea di business davanti ad un pubblico di appassionati e ad un panel di mentor, ottenendo importanti feedback. Tutto questo, in un contesto molto informale: l’aperitivo. Andiamo a scoprire le 4 Startup che hanno presentato il loro progetto.

FLASH FOOD TIPS

FLASH FOOD TIPS

Flash Food Tips nasce dall’intuizione di uno dei fondatori, Eugenio Batzella, appassionato di specialità alimentari prodotte da piccole aziende nella sua terra di origine (la Sardegna) e fruitore abituale di internet per l’acquisto di tecnologia e servizi. Dall’incontro di questi due interessi nasce il desiderio di supplire alla carenza di una piattaforma importante sul web per la valorizzazione delle piccole eccellenze nel territorio nazionale. Forte di una recente esperienza al MBA di Trieste e all’estero prima, ha subito compreso la potenzialità della grande qualità dei piccoli produttori transitata efficacemente oltre i confini regionali e nazionali. La formula adottata prevede la sponsorizzazione di un numero limitato di realtà nazionali suddivise per categorie (Pasta e riso, condimenti, conserve, dolci, distillati e liquori, Altro) con lo scopo di offrire una vetrina di altissimo livello ma temporanea (Flash Sales) per ogni azienda. La garanzia per il consumatore è quella di avere sempre una selezione (in continuo rinnovo) di elevata qualità e al giusto prezzo.

I nostri possibili clienti possono essere:

Persone che hanno una forte relazione con la cucina tradizionale e vivono in un paese diverso da quello di origine (es. italiani all’estero), che non sanno come acquistare prodotti delle PMI (introvabili sul mercato locale).
Turisti che hanno apprezzato le specialità culinarie regionali e desiderano ripetere l’esperienza una volta a casa, anche a distanza di tempo.
Gli amanti del cibo che desiderano sperimentare nuovi prodotti di qualità e difficili da scoprire (anche dello stesso territorio) e che scelgono la formula dell’acquisto online
Chiaramente si rivolge anche a tutte quelle PMI che non hanno abbastanza risorse per essere presenti (efficacemente) e vendere online

Nell’immediato futuro è prevista una sperimentazione con alcune PMI sarde per verificare sul campo i numeri del progetto e attrarre i primi finanziatori, contestualmente costruiremo l’iniziale base di utenti (early adopters). I prossimi passi saranno quelli di aprirci alle aziende italiane, col progetto di replicare la piattaforma prima nei paesi europei e successivamente a livello mondiale, creando così una piattaforma globale di PMI nel mercato alimentare.

BABAIOLA

BABAIOLA

Vuoi farti una vacanza avventurosa? Vuoi vivere un viaggio romantico? Vuoi semplicemente divertirti? Su Babaiola.com trovi il viaggio che tiene conto dei tuoi sentimenti e delle tue emozioni. Digitando sul sito web l’esperienza e l’attività che desideri vivere in vacanza, Babaiola grazie al suo algoritmo, ti  suggerisce le destinazioni che meglio riflettono i tuoi sentimenti. Ogni destinazione consigliata da Babaiola include volo ed hotel. Ma come lo fa? Analizzando le recensioni ed i trend dei social Network tra oltre un centinaio di siti web ed assegnando al viaggio un voto di compatibilità tra destinazione, esperienza ed attività scelta. Per la prenotazione l’utente viene reindirizzato ai siti di volo e hotel, mentre l’attività la può prenotare direttamente dal sito. Per fare ciò, Babaiola ha stretto importanti accordi con le migliori compagnie del Travel come Skyscanner, Tripadvisor, Hotelscombined e Foursquare.

Inizialmente, Babaiola si rivolge alle persone tra i 18-35 anni in quanto il 39% di loro preferisce siti meta search come Babaiola.com, ma puntiamo a conquistare anche fasce d’età superiori a quella indicata.

Abbiamo intenzione di lanciare a Maggio la piattaforma di prenotazione delle attività in Sardegna, per poterla testare e sfruttare, in questo modo, la stagione estiva. Inoltre vogliamo rilasciare a Settembre la Beta privata, ma il nostro obiettivo è essere operativi nel mercato entro Dicembre 2015 e raggiungere, entro l’anno, 2500 ricerche e 3000 prenotazioni.

DIAPASONG

DIAPASONG

Diapasong è la startup che rivoluziona il modo di interagire con la musica, trasformando lo smartphone in un jukebox interattivo; partendo dalla nostra passione per la musica, e dalle soluzioni che la tecnologia attuale offre, ricreiamo quell’interazione fondamentale per migliorare l’esperienza musicale. Permette infatti di interagire dallo smartphone con la musica che viene riprodotta nelle attività commerciali: queste possono creare delle playlist personalizzate tramite la nostra web app, e i clienti dell’attività, tramite la mobile app, possono visualizzare le canzoni scelte, e selezionare quella da ascoltare. L’obiettivo è di creare un’applicazione che coinvolga le persone che amano la musica, rendendo ogni situazione in cui essa viene riprodotta un’esperienza nuova e stimolante.

Ci rivolgiamo alle attività commerciali che sovente trasmettono musica in diffusione per migliorare l’atmosfera al loro interno. Riteniamo che manchi tuttavia la possibilità per i loro clienti di interagire con la musica in diffusione; Diapasong migliora il servizio offerto da parte dell’attività, e l’esperienza di consumo dei clienti, con effetti positivi a livello di engagement, che si traduce in maggiore permanenza e consumo all’interno delle attività commerciali. E poi, ovviamente, ci rivolgiamo a quella che noi abbiamo denominato “smartphone generation”, ossia la fascia di ragazzi che va dai 16 ai 30, clienti abituali (almeno 2 volte a settimana) di attività commerciali in cui viene trasmessa musica, considerata da loro un elemento importante nelle proprie scelte. Con Diapasong si aumenta l’esperienza di consumo, diventando protagonisti dell’ambiente musicale che va a crearsi nelle attività commerciali.

Il nostro prossimo obiettivo sarà, appena conclusa la fase di testing, quella di uscire sugli store in tutta Italia; siamo alla ricerca di un investimento che ci permetta di inserirci nel mercato ad una velocità adeguata. Puntiamo a fare di Diapasong l’applicazione della quale non si potrà fare a meno per vivere a pieno la musica ovunque si voglia.

TRIP&FEEL

TRIP&FEEL

L´obiettivo principale di Trip&Feel è modernizzare l’industria della pesca, un settore in via di estinzione. Lo strumento principale per attuare questa idea sta in una piattaforma web che mira a divenire uno strumento di comunicazione per il settore. Il prodotto principale di Trip&Feel è la “pesca turismo“. Un’attività che permette alle persone di vivere un’autentica esperienza come marinai e conoscere la tradizione e la cultura della gente di mare. Trip&Feel vuole divenire un intermediatore online tra i turisti che vogliono provare quest’attività e i capitani delle navi che la offrono.

Trip&Feel ha due tipi di target group ugualmente importanti. Il primo, sono i capitani proprietari delle navi di pescaturismo che vogliono promuovere l’attività sulla piattaforma web e sull’App Trip&Feel. A loro disposizione ci sono tre profili con differenti caratteristiche e prezzi. (White Feel, Blue Feel e Gold Feel). Il secondo target group sono i turisti che vogliono svolgere quest’attività. Lo possono fare prenotando un posto attraverso la piattaforma web e l’App dedicata. Il servizio è rivolto anche e soprattutto alle persone avventurose che amano il mare, giovani, famiglie, scolari e pensionati.

Attualmente Trip&Feel è all’interno del programma Europe Erasmus Entrepreneur in Sardegna per sei mesi, e si trova nella sua fase di ricerca, sviluppo e impianto. L’obiettivo a breve termine è sviluppare il progetto sull’isola in tutti i porti in cui si lavora con il turismo della pesca. A lungo termine l’obiettivo principale è mettere in connessione il Mediterraneo spagnolo con quello sardo, per fare collegamento tra tutti i porti, capitani, barche e persone che vogliono vivere il mare. Per questo abbiamo avviato una collaborazione tra l’università di Cagliari e l’università di Alicante.