Primo Giorno di Facebook Marketplace, in Vendita Merce Illegale

Facebook Marketplace

Nel Regno Unito, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda, lunedì 3 ottobre è stato lanciato Facebook Marketplace, una funzione specifica aggiunta al social network che permette di fare shopping online direttamente dalla piattaforma. Su Marketplace, disponibile sia per iPhone che per Android, gli utenti possono acquistare e vendere praticamente qualsiasi oggetto (nei limiti della legalità ovviamente, limiti tutelati dalle guidelines di Facebook). Dovrebbe quindi essere impedita la vendita di droga, armi, animali e articoli per adulti. Dovrebbe.

È infatti passato un solo giorno dall’attivazione di Facebook Marketplace che già si assiste al peggio: annunci che propongono sesso, commercio di pistole, marijuana, ricci, addirittura bambini, e tanto altro ancora.

facebook-3 facebook-4

ricciocane

Mary Ku, direttore e gestore della nuova sezione del social network, ha dichiarato che Marketplace ha inizialmente incontrato problemi tecnici che hanno impedito al sistema di revisione automatica di segnalare gli oggetti in vendita che violano le politiche di commercio.

Come già succede per i messaggi o le immagini “abusive”, quando l’automazione non riesce a rilevare le merci illegali, Facebook Marketplace si affida alle segnalazioni fatte dagli stessi utenti (come in questo caso). Poi l’azienda prenderà in considerazioni questi “consigli” e provvederà alla rimozione o meno del contenuto.

Facebook Marketplace non offre la classificazione per recensioni come eBay e Amazon ma facilita la connessione con venditori conosciuti dai tuoi amici su Facebook. Mentre fino a ieri la maggior parte delle “trattative” avveniva tramite gruppi o pagine del social network, oggi l’azienda di Zuckerberg ha deciso di sfruttare a suo vantaggio la situazione e di inaugurare la vendita online creando un’apposita sezione di e-commerce.

Già nel 2007 Facebook aveva lanciato un simile progetto che non era però decollato. Oggi Facebook ci riprova, incoraggiato da un numero di utenti ormai consolidato (450 milioni di persone in più rispetto al passato tentativo). Anche se il primo giorno della sezione di e-commerce non è stato dei migliori, Facebook questa volta potrebbe ottenere il successo sperato.