Rapporto Elezioni Politiche-Mercati Finanziari? Meglio Non Scommetterci

Crescita

Nell’arco di poco più di un anno, le urne elettorali hanno regalato agli italiani risultati sorprendenti che hanno sconvolto in entrambi i casi le previsioni dei sondaggisti.

Probabilmente alla prossima tornata elettorale a qualcuno verrà in mente di scomodare il famoso “guru delle previsioniNate Silver o magari sarà lui stesso, affascinato dall’imprevedibilità del sistema Italia, a voler cimentare le sue capacità sul difficile dei campo della politica nostrana.

L’incertezza derivante dal risultato elettorale delle politiche del 2013 aveva fatto scivolare l’indice italiano del 4%, e nelle settimane successive il mercato scese ulteriormente. Il rialzo, dopo le ultime elezioni europee, frutto di una sperata stabilità politica che pare intravedersi, sembra ridare slancio ad un mercato ormai privo di spunti che dal minimo di aprile 2013 aveva, comunque, messo a segno un rialzo di oltre il 40%. La primavera scorsa, in uno scenario politico ancora molto incerto, qualche operatore cominciò a “scommettere” sul mercato azionario italiano, e così l’indice italiano ha messo a segno un recupero degno dei migliori bull market, fino a risultare l’investimento più redditizio da un’ anno a questa parte.

Cerchiamo dunque di diffidare dalle nostre e dalle altrui previsioni che, soprattutto sui mercati finanziari, portano generalmente a grossi danni e cerchiamo piuttosto un approccio “umile” che si adegui agli eventi senza che necessariamente vi sia una spiegazione che consideriamo razionale.

Come dice Stephen Flynn (Senior Research Fellow at the Wharton School’s Risk Management and Decision Processes Center at the University of Pennsylvania) :“Politics is nothing more than the foam on the waves of the supercycles. Politicians believe themselves to be the drivers of history but they are driven by it and try to regulate something that regulates itself”.

Quindi se la politica è la schiuma delle onde dei cicli economici, il suggerimento è di cercare di cavalcare le onde e non distrarci sulla schiuma.