Social Control: l’Arte Contemporanea Entra nei Centri Commerciali

social control

Apre i battenti sabato 10 settembre alle 16,00 l’installazione dell’artista Benito Ligotti sostenuta e promossa dal Centro Sarca, che vedrà la partecipazione attiva di tutti coloro che vorranno contribuire alla costruzione di una grande opera d’arte condivisa all’interno del tessuto sociale autentico e quotidiano dei milanesi.

SOCIAL CONTROL è il classico esempio del nuovo modo di vivere i centri commerciali impostato dall’immobiliare Igd Siiq Spa, all’interno delle strutture di sua proprietà, tra cui Centro Sarca. Non solo luoghi deputati allo shopping, bensì veri e propri spazi da vivere, con particolare focus su arte, spettacolo e cultura. Ed ecco quindi la scelta di ospitare al Centro Sarca, per la prima volta in Italia all’interno di un centro commerciale, SOCIAL CONTROL.

Il titolo dell’installazione, SOCIAL CONTROL, fa riferimento al progetto nato circa tre anni fa dall’esigenza da parte dell’artista di chiedersi come le informazioni che ci scambiamo attraverso Internet, in particolare sui social network, siano usate per perseguire finalità di cui non abbiamo piena coscienza. Dopo aver fatto tappa al Centro culturale del Comune di Bresso (MI), al Pertini di Cinisello Balsamo (MI) e all’Università degli studi di Milano – Bicocca, il progetto approda ora al Centro Sarca con un’installazione site-specific che rimarrà aperta al pubblico fino a sabato 15 ottobre.

social control

E’ proprio la partecipazione collettiva nel costruire l’opera il fulcro di SOCIAL CONTROL. Tutti i mercoledì e i sabati pomeriggio dal 10 settembre al 15 ottobre, negli spazi del piano terra in corrispondenza dell’ingresso nord del mall, un punto di raccolta rimarrà aperto a tutti coloro che vorranno donare la propria impronta, contribuendo a diventare parte di un’enorme tavola di 16 metri quadrati con 4000 impronte digitali. Spiega l’artista: “ospitare un progetto artistico come SOCIAL CONTROL in un centro commerciale significa offrire la possibilità all’arte di entrare nel quotidiano di tanti individui, e nello stesso tempo offrir loro l’occasione di costituire concretamente un’opera d’arte, incontrando l’artista e lasciando la traccia di questo incontro.”

social control

Sovrastante il banco di raccolta, una tavola di 4 metri quadrati sarà sospesa e appesa con dei cavi d’acciaio alle colonne che reggono l’ampio e vertiginoso spazio del mall, su cui si affacciano i tre piani del centro commerciale. Uno spazio in cui transitano migliaia di visitatori giornalieri. La tela raccoglie le impronte digitali di circa 900 donatori anonimi, raccolte da Ligotti in diversi luoghi d’Italia.

I precedenti

Le iniziative che portano le opere d’arte nei centri commerciali sono poco usuali, ma iniziano a diffondersi. Nel 2014 una mostra di Monet è stata ospitata nel China K11 Art Mall di Shanghai; lo scorso marzo l’artista inglese Rebecca Louise Law ha esposto al Bikini Shopping Mall di Berlino. SOCIAL CONTROL è la prima iniziativa che prevede non la semplice esposizione, ma il costituirsi stesso di un’opera d’arte collettiva dentro un mall dedicato allo shopping. Attraverso il coinvolgimento attivo degli individui, SOCIAL CONTROL crea un ambiente dialogico, vivo e sospeso, inserendosi in modo dirompente e scenografico nel contesto dell’edificio del concept mall, dedicato non soltanto allo shopping di qualità, ma anche a una regolare attività di eventi culturali.