StArt Award: Intervista ai Ragazzi Che Hanno Dato Vita al Progetto per Idee Innovative

 Cos’è StArt Award?

"È il concorso per idee innovative che l’ anno scorso, per la sua prima edizione, ha coinvolto più di 30 team, per un totale di più di 100 studenti provenienti dalle varie facoltà dell' Ateneo. Il concorso è diviso in quattro fasi. In primis c'è la "Call", della durata di due mesi. Lo step prevede la compilazione di un bando aperto ai team per presentare la loro idea di Start Up innovativa. Il form da compilare si trova online su www.startaward.it. Una volta raccolte le candidature, un team di esperti del settore valuterà le idee e decreterà i 10 team che parteciperanno alla fase successiva. La terza fase è la più lunga, ma anche la più importante: il percorso di pre-accelerazione. I team selezionati parteciperanno ad un percorso che prevede 12 incontri tra workshop, mentorship e tutorship e che li aiuterà, attraverso le nuove conoscenze acquisite, a sviluppare la propria idea imprenditoriale. L'ultima fase è il DEMO DAY: una giornata conclusiva nella quale i team si affronteranno, attraverso un pitch, davanti ad una giuria che decreterà il vincitore del concorso.

Quale idea ha vinto il primo concorso?

"La prima vincitrice è stata “Clean Clever”, un’ idea di Luca Marini e Antinisca Passero. Hanno creato un elettrodomestico che trasforma l'olio esausto in sapone, senza che l'utente entri in contatto con la reazione chimica. Il team ha conseguito anche un importante riconoscimento al Concorso Nazionale CNI "Scintille", tenutosi a Venezia, organizzato dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Su 330 team partecipanti è arrivato quarto".

Saranno presenti novità nella prossima edizione, rispetto alla precedente?

"Per un concorso per idee innovative, le novità sono necessarie. Quest'anno, oltre ad avere nuove partnership, daremo la possibilità ai team di costruire durante il percorso una campagna di crowdfunding, per arrivare alla fine del cammino pronti per il pubblico".

Secondo quanto riportato dal sito dell’ Università degli Studi di Salerno, riprendendo un’ informazione che mi avete fornito precedentemente, gli esperti con cui i ragazzi entrano in contatto durante questa esperienza sono rappresentativi di vari settori: imprenditoria, innovazione, finanza. In che modo entrate in contatto con queste persone?

"Grazie alle partnership dell'Università, del nostro dipartimento e dell'impegno assoluto che il Prof. Parente in prima persona ha dedicato alla nostra iniziativa, coinvolgendo personaggi internazionali. L'anno scorso forse l'esperienza più bella è stata avere due Professori della George Washington University insieme a noi per una giornata di Open Pitch, dove i team hanno raccontato la loro idea e la loro storia sottoponendosi alla prova internazionale".