Uber, Protagonista del 2017 tra Scandali e Lauti Incassi

Tornando a quest'anno però, sono stati molti i passi falsi dalla società, a partire dalla compagnia "delete Uber" scatenata dalla scelta della compagnia di fornire il servizio durante una manifestazione dei tassisti newyorkesi contro Donald Trump.

Anche dal punto di vista della sicurezza, si sono riscontrate numerose inefficienze, sia dal punto di vista dei veicoli (sono state acquistate a Singapore delle auto, che avevano mostrato espliciti difetti costitutivi) sia rispetto ai dati sensibili, oggetto di un furto - non rivelato dall'azienda - ai danni di 57 milioni di persone.

Sconvolgenti inoltre sono state anche le svariate dichiarazioni di molestie sessuali e discriminazioni che hanno portato, tra le altre cose, anche all'allontanamento di uno dei fondatori: Travis Kalanick.

travis kalanick

Tra le conseguenze vi sono stati il mancato rinnovo delle licenze a Londra e a New York (ove però il servizio è già stato reintegrato).

Ciò nonostante, secondo quanto emerge dai dati di Bloomberg, la società ha registrato 2,01 miliardi di dollari alla fine del terzo trimestre con un aumento pari al 17% rispetto al precedente. Rimane indubbio però che la gestione debba cambiare radicalmente attuando degli attenti controlli e rendendo il servizio sicuro sia per i dipendenti sia per i clienti.