Un Enorme Agglomerato di Stelle è Stato Scoperto dagli Astronomi

1via-lattea

Una nuova straordinaria scoperta nell’ambito dell’astronomia è stata fatta. Gli scienziati hanno confermato l’esistenza di quello che viene chiamato un “supercluster”, ovvero un gigantesco agglomerato di galassie che si estende per milioni di anni luce, situato nella costellazione delle Vele.

vela12
Reuters

vela

La scoperta è stata pubblicata sul Monthly Notices Letters of the Royal Astronomical Society, e gli autori sono un team internazionale di astronomi provenienti da Australia, Germania, Olanda e Sudafrica che sono arrivati al risultato grazia alla combinazione delle loro analisi.

In un comunicato stampa Renèe Kraan-Korteweg, astrofisico dell’Università di Città del Capo, ha affermato con sorpresa che non si sarebbe mai aspettato che una struttura così grande apparisse all’improvviso in quella zona della galassia.

Il supercluster è passato inosservato fino ad ora. Come è possibile, vi starete chiedendo, che un oggetto tanto grande e massiccio non sia mai stato visto in anni e anni di ricerca astronomica? Il motivo è che il supercluster Vela si “nasconde” dietro la nostra Via Lattea.

Difatti, la Via Lattea è un ottimo campo di studio per analizzare i fenomeni più comuni e spettacolari del nostro universo come buchi neri, sistemi solari alieni o pianeti lontani. In fondo, in mezzo a 100 miliardi di stelle e migliaia di miliardi di pianeti, si trova parecchio materiale di studio.

Ma se volessimo dare uno sguardo oltre alla nostra Via Lattea, bisognerebbe “passare in mezzo” a tutto questo:

via-lattea
NASA

Non è una cosa facile nemmeno per i telescopi più tecnologici e moderni. Infatti per superare questo strato di galassie, i ricercatori hanno dovuto combinare le osservazioni effettuate in diverse parti del mondo in modo da mappare ciò che ognuna di esse “vedeva” oltre la Via Lattea.

Il risultato è Vela, che si trova a circa a 800 milioni di anni luce da noi, contiene un numero di stelle stimato tra 10.000 miliardi e 100.000 miliardi e ha un’influenza gravitazionale sulla nostra galassia che, stando alle prime analisi, sembra veramente di rilievo.