USA, Presidenziali 2016: una Sfida a Colpi di Design

Presidente_Obama333

Si preannuncia un anno di fuoco per i cittadini americani, che tra poco più di 12 mesi saranno chiamati alle urne per eleggere il nuovo Presidente degli Stati Uniti. Una battaglia elettorale che non vedrà sicuramente protagonista il presidente uscente Barack Obama, ineleggibile a un terzo mandato a causa dei limiti di scadenza citati nel 22esimo emendamento della Costituzione (ndr, approvato nel 1951, limita a due i mandati di un presidente), ma che, nella corsa alla Casa Bianca, vedrà coinvolte comunque personalità di spicco del panorama politico a stelle e strisce.

I prossimi mesi saranno cruciali per il Partito Democratico e quello Repubblicano per decidere, insieme al proprio elettorato, i candidati più idonei da presentare ufficialmente a rappresentanza dello schieramento. Se dal lato democratico il nome forte è quello di Hillary Clinton, ex segretario ed ex first lady degli Stati Uniti (ndr, moglie di Bill Clinton), nello schieramento repubblicano saranno diversi i nomi a giocarsi un posto come candidato unico: tra questi spiccano quelli di Ted Cruz, senatore texano, Rend Paul, senatore del Kentucky, e Marco Rubio, senatore della Florida. Una contesa che se politicamente ha già suscitato l’interesse di tutto il mondo, in America ha portato all’attenzione dell’opinione pubblica un aspetto decisamente curioso.

partiti-americani1-428x240