Wonderbag, un Oggetto Trendy ed Ecofriendly per Aiutare l’Africa

wonderbag-south-africa-1

Sembra un cuscino. In realtà è una sorta di elettrodomestico, ma il suo design l’ha portata ad essere un oggetto di tendenza venduto in tutto il mondo.

L’idea è venuta nel 2008 a Sarah Collins, quando un black-out lasciò per giorni senza luce la città di Johannesburg. Sarah, con alle spalle un passato nel sociale, ideò questo fornelletto che non necessita di alcuna forma di energia per aiutare le donne africane a risparmiare tempo e denaro, riducendo allo stesso tempo i rischi legati all’utilizzo di combustibili, quali ad esempio il kerosene. Poiché nelle zone rurali dell’Africa si cucina prevalentemente bruciando legna da ardere, la cui raccolta richiede molto tempo, la Wonderbag si presenta come una soluzione ottimale.

Come funziona

Il funzionamento di questa sorta di cuscino è semplice. Basta inserire al suo interno il cibo, già portato ad ebollizione, e lasciarlo a cuocere lentamente per una durata che può arrivare fino ad otto ore, senza bisogno di aggiungere acqua, utilizzare ulteriore energia o dover spendere altro tempo dietro ai fornelli. La cottura lenta dei cibi li porta così a diventare sani e gustosi. Il meccanismo della Wonderbag è basato prevalentemente sull’isolamento che la sacca esterna fornisce, ciò significa che le funzionalità di questa magnifica invenzione non si limitano alla sola cottura delle pietanze, può infatti essere utilizzata anche per refrigerare i cibi o preparare dello yoghurt fatto in casa.

Wonderbag

Secondo le stime l’utilizzo di questo metodo consentirebbe di evitare ogni anno lo spreco di 1000 litri d’acqua e di 1248 ore, spese a raccogliere legna, per persona. Inoltre si avrebbe una riduzione delle emissioni inquinanti di una tonnellata pro-capite.

Ciò che questa invenzione ha di sensazionale è poi il fatto che nel giro di poco tempo è riuscita a diventare un oggetto di tendenza, andando ben oltre lo scopo per cui è nata. The Wonderbag è infatti dal 2010 un marchio consolidato che esporta in tutto il mondo, grazie ad una gamma di prodotti colorati e disponibili in diverse dimensioni. È addirittura in vendita una versione mini, che può comodamente fare da portapranzo, permettendo di preparare il cibo la mattina e continuare a cuocerlo lentamente fino a quando non si decide di mangiarlo.

In sintesi la Wonderbag è l’alternativa ecologica allo Slow Cooker, rispetto al quale presenta però diversi vantaggi, ad esempio non deve essere alimentato da alcuna forma di energia, non rischia di cuocere i cibi più del dovuto se vengono lasciati al suo interno e può essere comodamente posizionato sulla tavola mentre si mangia.

Sebbene questo non lo si trovi scritto da nessuna parte, un altro vantaggio è poi rappresentato dai suoi numerosi utilizzi alternativi. Basti pensare che c’è addirittura chi lo scambia per la poltroncina del gatto!

Valeria Procoli