1963-2013: da Martin Luther King a Obama

A livello generale, il 77% della popolazione nera americana si dichiara soddisfatta delle opportunità di successo incontrate, ma ancora il 50% di essa ha subito discriminazioni di recente. Si riscontrano, però, anche dei dati rassicuranti: nell'ambito dei diritti civili, infatti, i neri censiti come votanti nel 2000 erano circa il 59,6%, contro il 55,2% nel '94. Addirittura il 49,5% ha votato in occasione delle ultime presidenziali, contro il 35,7% delle scorse elezioni.

Dunque, sebbene in America, come nel resto del mondo, le opportunità rimangano ancora disallineate per popolazione bianca e nera, in generale si sono registrati dei risultati positivi, sottolineati anche dall'affermazione nell'ultimo cinquantennio di alcune personalità brillanti ed influenti tra gli afroamericani. I nomi sono presto detti: Rosa Parks, una delle più ferventi attiviste nella lotta per la conquista dei diritti civili degli afroamericani; Guion Bluford, MS e PhD in ingegneria aerospaziale, associato alla Air Force e protagonista, tra gli altri, del lancio degli shuttles tra il 1983 ed il 1992; George Washington Carver, inventore e scienziato, costretto a lasciare gli studi presso le scuole pubbliche a causa della discriminazione razziale, ma successivamente ammesso presso lo State Agricultural College in Ames, dove fu il primo studente di colore; ed infine Toni Morrison, la prima donna di colore vincitrice di un premio Nobel per la letteratura.