Abolire il Contante? I Pro e i Contro

Il contante, però, rimane ancora di grande importanza per le persone di tutto il mondo nonostante porti con sé numerosi e seri problemi. Uno di questi è senza dubbio la contraffazione, basti pensare che solo nel 2013 la Bank of England ha ritirato dal mercato circa 680.000 banconote contraffatte per un totale di 11 milioni e mezzo di sterline. Le banconote poi, soprattutto quelle di grande taglio, danno manforte ai criminali, siano essi organizzazioni internazionali o piccoli evasori. Il vantaggio principale è dato dalla possibilità di tenere le transazioni anonime: è impensabile, infatti, riuscire a risalire a chi abbia comprato un kilo di cocaina semplicemente analizzando il denaro scambiato.

Non a caso, sebbene il totale delle banconote da 500€ in circolazione in Europa sia pari a 295 miliardi di euro, in molti non ne hanno mai vista una. La maggior parte di esse sono infatti nelle mani della malavita soprattutto perché facilitano il movimento di soldi sporchi: 1milione di euro in banconote da 500 pesa solamente 2,2 Kg.  Senza dubbio, quindi, l'abolizione del contante porterebbe dall'oggi al domani alla fine dei problemi di contraffazione, ad una drastica riduzione dei traffici illeciti, e soprattutto ad un deciso aumento delle entrate fiscali. Si stima che le casse del tesoro americano beneficerebbero da sole di oltre 100 miliardi di dollari in più all'anno.