Cross Cultural Management: Come la Cultura Cambia il Mondo del Lavoro

Col secondo punto, successivamente, si entrerà nella fase tecnica dello studio. Il corso permetterà di analizzare il processo di negoziazione con le sue quattro fasi principali (Non Task, Task, Persuasion, Agreement). Tale processo si realizza, però, tenendo conto di  una sostanziale differenza tra culture individualiste e collettiviste. Le prime vedono la presenza di soggetti il cui obiettivo principale consiste nel distaccarsi dal gruppo, misurando il successo con l’elevamento al di sopra di esso; nelle seconde, invece, l’individuo è portato a cooperare con gli altri e a misurare il proprio successo in base al contributo offerto al gruppo. Questa prima distinzione, inoltre, permette di configurarne un’ altra inerente ai contesti comunicativi: Low (per le culture individualiste) e High (corrispondente a quelle collettiviste).

Si capirà, dunque, che un efficace processo di negoziazione presuppone una corretta configurazione della struttura negoziale. Per tale scopo, dunque, è necessaria un’ attenta analisi della distanza culturale, la quale rappresenta il grado di differenza (e di similarità) tra i valori culturali di due o più paesi.

In quest’ ottica, un contributo fondamentale è stato offerto dal GLOBE (Global Leadership and Organizational Behaviour Effectiveness): uno studio condotto su migliaia di managers di organizzazioni appartenenti a 170 paesi, il cui obiettivo principale consiste nell’ esplorazione dei valori culturali dei vari paesi, identificando il loro impatto sulle pratiche organizzative ed i comportamenti di leadership.

Relazionandosi diversamente nei confronti di 9 dimensioni, lo studio ha evidenziato la presenza di 10 clusters:

grafico