Da Londra il ‘Sermone Impotente’ di Lagarde e Carney alla Finanza

Un grido di frustrazione il suo, per l’inerzia in cui è piombato il processo di ristrutturazione delle norme governanti il mondo finanziario echeggiato anche dalle parole di Mark Carney, il governatore della Bank of England. “La sfrenata fede nei mercati finanziari” prima della crisi del 2008, la crescente disuguaglianza, e le recenti “manifestazioni di corruzione” nel settore hanno danneggiato “il tessuto sociale” secondo Mr Carney. “Quando combinata con le pressioni di lungo termine della globalizzazione e della tecnologia sul contratto sociale di base, una dinamica instabile della fiducia nel sistema finanziario e la crescente esclusività del capitalismo costituiscono una minaccia” prosegue il governatore.

L’intervento dei due policy-maker alla conferenza, in veste di condottieri nella battaglia per riformare la finanza in seguito alla crisi finanziaria del 2008, è anche rivolto ad arginare una serie di scandali che hanno di recente danneggiato ulteriormente la reputazione del settore. Basti pensare che HSBC, JP Morgan e il Crédit Agricole sono appena state citate in giudizio per la partecipazione ad un cartello finalizzato alla manipolazione del tasso Euribor, in un’indagine che ha già distribuito un miliardo di dollari in sanzioni.