“Economia dell’Innovazione nei DCs”: Stiglitz resuscita Schumpeter

"Come un numero di paesi dell’Asia orientale ha fatto [in passato]", spiega, "come parte delle loro affermate strategie di sviluppo”. Quel che conta rimane quindi la “promozione dell’apprendimento – includendo la cultura di come apprendere.

Strategia, quella sostenuta da Stiglitz, che si trova in estrema antitesi con le politiche neoliberiste del Washington Consensus, "imposte nei paesi in via di sviluppo con il nobile obbiettivo di promuovere l'efficienza nell'allocazione delle risorse oggi", e che "in realtà hanno impedito l'apprendimento, portando ad un abbassamento degli standard di vita nel lungo periodo."

La soluzione, quindi, per "ridurre il divario che separa [i paesi in via di sviluppo] da quelli più sviluppati" potrebbe trovarsi in policy makers "consci di questi effetti" e non nei pacchetti di riforme predisposti dalle economie occidentali. “L’unico modo per imparare cosa è richiesto per una crescita industriale" conclude l'economista, "è avere un’industria."