Facebook ci Rende Conformisti?

In generale le persone che si rifiutano di aprire un profilo sui social che siano star, luminari, o semplici impiegati, sono persone integre ed anticonformiste, le quali non accettano  che l’importanza di un’informazione, di un dato condiviso o addirittura di una persona possa, essere misurata dalla quantità ( 1…100 like) e non dalla qualità ( who likes) . Ciò, però, non implica che chi decide invece di darsi al mondo social non sia integro e sia necessariamente piatto mentalmente. Infatti per raggiugnere una maggiore profondità di analisi si deve assolutamente tenere conto che ci sono modi e modi di usare, pensare e condividere Facebook. Dipende sempre quindi, dal background e dalla forma mentis di chi utilizza il social. Una persona, sicura di sé, con un’esperienza consistente alle spalle, con un’attitudine anticonformista, sicuramente utilizzerà Facebook in tal modo. Non ci penserà proprio a condividere un pensiero di cui non ha accertato l’attendibilità. Esporrà la sua idea senza paura perché tiene a dire la sua, poco importa se non prenderà neanche un like. Ovviamente gli altri utenti snobberanno il suo post, la maggior parte non si riconoscerà in un tale pensiero complesso.

Non è dunque il Social ad appiattire le menti e l’opinione ma

1)      Il tipo di target di Facebook

2)     la semplicità ed il conformismo sono maggiormente diffuse nel mondo rispetto all’anticonformismo, ed allo stesso modo la maggior parte degli utenti di Facebook.

Smartweek

Smartweek è una testata digitale che nasce con l’obiettivo di raccontare tutto ciò che è legato al mondo della Finanza, dell’Economia, della Politica e dei Processi Innovativi su un piano nazionale e internazionale. Un posto dove imprenditori, startupper e manager possono trovare informazioni, consigli, risorse e intuizioni per gestire e far crescere le proprie idee e il proprio business.

Articoli Correlati