Incredibile Boom Economico in Ungheria

Una forte lotta è stata condotta dallo stesso Orban verso grandi organizzazioni internazionali e tra queste spicca il Fondo Monetario Internazionale (FMI): il primo ministro ha infatti preso la decisione di estinguere il debito immediatamente e prima dei termini stabiliti (sarebbero dovuti decorrere ancora 2 anni prima del termine ultimo ai fini del pagamento del debito). A sostegno della tenuta elettorale di Orban concorrono altri dati: per quanto concerne il commercio estero e il commercio interno il 2013 ha visto un incremento per il primo del 5,1 %, per il secondo del 4,8%. Fortissimi segnali di ripresa si sono avuti dal punto di vista occupazionale. Il 2013 ha visto un netto calo del tasso di disoccupazione calato a circo il 9,8% rispetto al medesimo periodo del 2012 durante il quale era stato effettuato il medesimo calcolo. Infine, guardando al PIL, si è avuto un incremento medio dell’1,1 % ma, con particolare riferimento al quarto ed ultimo trimestre del 2013, di circa il 2,7%.

Le politiche economiche e sociali attuate dal governo Orban hanno condotto fuori dal tunnel un’Ungheria fortemente colpita dalla crisi ancor prima che scoppiasse “ufficialmente” a seguito del crack di Lehman Brothers. Che il "sistema Orban" possa dire qualcosa anche alla direzione che deve prendere l'Europa nei prossimi anni?