“La Formula Dell’Avidità”: Un Mix di Potere e Testosterone

Sebbene alti livelli dell'ormone fossero già stati collegati, in studi precedenti, a bassi livelli di generosità ed empatia, la relazione tra testosterone e corruzione - quest'ultima definità dagli autori come "il deterioramento morale di un individuo che risulta in un abuso di potere per interesse personale che contravviene alle norme sociali" - era rimasta sinora inesplorata.

Per raggiungere tale obiettivo, i ricercatori si sono basati su due esperimenti comportamentali, entrambi derivanti dal "dictator game" sviluppato da Daniel Kahneman, il padre della behavioural economics. Nella prima configurazione del test, in cui i soggetti sono stati divisi in modo casuale  tra "seguaci" e "leader" - quest'ultimi dotati del potere di redistribuire tra i partecipanti un premio monetario ricevuto - è risultato che i capigruppo con più potere - ossia responsabili per un maggior numero di "seguaci" - tendono a comportarsi più avidamente. Nel secondo stadio è stato invece richiesto ai soggetti di compilare un questionario dichiarando quale fosse per ognuno di loro - "seguaci" compresi - il miglior metodo redistributivo della ricompensa. Una volta stabilito l'accordo che la maggioranza aveva convenuto nel sondaggio - definendo così implicitamente quali circostanze avrebbero costituito una trasgressione da quest'ultimo - i ricercatori hanno fatto proseguire l'esperimento come nel primo caso. I risultati suggeriscono che in una condizione di "basso potere", circa la metà dei "leader" sono rimasti fedeli alle norme di distribuzione definite in precedenza - un dato che è calato al 19 percento per i capigruppo con maggior potere, ed ha fatto registrare i valori più bassi proprio in corrispondenza di alti livelli di testosterone.