Di Maio, Prenditi una Vacanza

E sarà la stanchezza. Però Gigi, se leggi male una mail e qualche sms che ti arriva non da un filosofo kantiano in arabo ma da Paola Taverna, e che contiene frasi tipo "in ogni caso l'assessore è già indagata" e "il 335 (atto con cui si viene a conoscenza della propria posizione processuale, ndr) non è pulito", sei sicuro di volerti imbarcare in questa cosa del governare l'Italia? Guarda che poi bisogna fare le leggi. E sono pagine e pagine di linguaggio macchinoso e complesso, fatto apposta per confondere chi deve approvarlo e per far sentire idiota chi deve subirne le conseguenze. E non vorrei che al primo "ovvero" utilizzato con valore disgiuntivo ti prenda una crisi esistenziale che vai a controllare su Wikipedia chi sei e perché non hai finito giurisprudenza.

taverna-di-maio

O qualsiasi altra facoltà, ché magari ti evitavi il secondo exploit dell'imbarazzo mentre cercavi di rimediare al primo. Ti ho visto, in piazza, a Nettuno, sul palco: tutti conciati da hangover e tu in irreprensibile camicia bianca abbottonata fino al collo, tuttavia incapace di soffocare l'animosità del tuo appello. Accorato, incalzante, per molti convincente, peccato per quell'altrettanto accorato, incalzante ma molto meno convincente "è come se domani mattina verrei in questa piazza e urlerei" dopo il quale persino Dibba, in felpa bluette #iovotono appena sceso dal motorino tutto scapigliato, ti ha guardato con la stessa faccia con cui io guardo le persone che tolgono il grasso dal prosciutto crudo e mi chiedo se sia contagioso. E anche qui, secondo me, è la stanchezza.

di-maio-di-battista