Con “Performance” Ora si Può Stampare Cibo in 3D

Il problema è che la preparazione di questi pasti richiede più tempo rispetto a quelli serviti attualmente e alcune strutture di assistenza sono pertanto riluttanti o incapaci di introdurre questa tecnologia.
 Per questo motivo Mathias Kück, coordinatore del progetto, spiega che il modo per aumentare l’applicabilità di PERFORMANCE è l’industrializzazione. Solo in questo modo si potrebbero ridurre i costi e renderlo disponibile anche per l'assistenza domiciliare. Kück è ottimista, e convinto che una volta completato, il progetto sarà ben accolto. Ad oggi oltre 1000 case di riposo in Germania hanno già implementato il progetto.

Questo progetto, basato sull'idea tanto semplice quanto innovativa alterare l'aspetto del cibo per modificarne la percezione potrebbe davvero essere una svolta nel campo dell'alimentazione per coloro che hanno questo tipo di problemi. Non ci resta che aspettare e vedere gli sviluppi, molto promettenti, di questo nuovo modo di gustare il cibo.

Photo Credit: Katarina Jager