Tesla, la Gigafabbrica e le Automobili del Futuro

Al momento della loro uscita, entrambi i "giocattoli" vantavano infatti degli accumulatori elettrici parecchio superiori rispetto alla concorrenza, un must per poter spingere al massimo le loro prestazioni. La differenza tra l’iPhone e la nuova Model S è ovviamente nelle dimensioni: ci vorrebbero infatti più di 15000 melafonini per eguagliare il contenuto di energia della spider americana, tanto che qualcuno alla Morgan Stanley ha pensato che un quantitativo così enorme possa essere sfruttato in futuro, non solo per far sfrecciare la sportiva lungo le Interstate americane.

Gli ingegneri Tesla sono infatti da qualche mese al lavoro nella costruzione di quella che è stata subito denominata la “Gigafactory”, la più grande fabbrica di auto elettriche del mondo. Il soprannome di questo colosso innovativo deriva dalla considerazione secondo cui, una volta a regime, all’interno dei suoi capannoni verranno prodotte ogni anno più auto elettriche di quelle che già sono in circolazione in questo momento. Stime prudenti calcolano che nel 2028 potrebbero esserci quasi 4 milioni di Tesla in circolazione soltanto negli Stati Uniti. Per tornare alla precedente analogia, questo corrisponderebbe all’equivalente di più di 62 miliardi di iPhone, o 237 Gigawatt, un quinto della produzione annua di elettricità dello Zio Sam.