Barclays e le Impronte Biometriche: La Nuova Frontiera della Sicurezza Online

L’istituto di credito britannico ha sviluppato con Hitachi un lettore di impronte biometriche che si basa sulla Finger Vein Authentication per il riconoscimento del reticolo venoso. Questo dispositivo verrà fornito al cliente e dovrà essere utilizzato al momento dell’accesso all’account bancario. Le impronte biometriche sono più difficili da riprodurre delle impronte digitali, e inoltre il grado di sicurezza è incrementato dal fatto che è richiesta la presenza di un “battito”, cioè l’impronta deve provenire da un corpo vivente. Un altro vantaggio è in termini di velocità: l’autenticazione al sito con questo metodo richiede solo due secondi.
Barclays, che già utilizza sistemi di riconoscimento vocale che nelle conversazioni telefoniche prendono il posto delle password, assicura che le informazioni provenienti dal lettore non verranno in alcun modo salvate e riutilizzate. Il dispositivo di scansione ha due livelli di sicurezza: come prima cosa il dito dell’utente viene sottoposto a scansione e se l’impronta corrisponde viene sbloccata una carta Sim cifrata che invia i codici di autorizzazione alla banca. In questo modo è il cliente che detiene il suo codice biometrico, non la banca, che riceve soltanto il messaggio inviato dalla Sim.