Freestyle Pc, il Progetto Informatico che Accompagna i Bambini nel Mondo Digitale

Ma il percorso del progetto, racconta Tagliabue, non è ancora finito, anzi. "Per il 2015 abbiamo diversi obiettivi. Il più importante è sicuramente l’aggiunta di ulteriori elementi capaci di completare i percorsi digitali che riguardano i bambini e i loro genitori. Coinvolgeremo altri attori del mondo digitale e avvieremo delle partnership per avere la possibilità di completare al meglio questi percorsi, ad esempio, con corsi specializzati e con laboratori".

Gli argomenti abbracceranno queste sfere:
- Primi approcci al digitale: quando, come, con chi? (collaborazione con una psicologa)
- Digitale consapevole: sperimentare, senza correre (troppi) rischi
- Bambini e digitale: tool utili per aiutarli nel loro percorso
- Disturbi dell'apprendimento e digitale: app, strumenti e tool per aiutarli (collaborazione con un'insegnante).

Il tutto con una premessa d'ordine. "Per poter usare gli strumenti e i dispositivi in modo consapevole, però, è importante fare dei passi indietro e prendere consapevolezza di quello che si sta davvero utilizzando e di come muoversi nella Rete, sperimentando, ma senza commettere troppi errori" conclude Tagliabue.